Serie A - Capello "Non ho incontrato Moratti"

lun, 12 mar 12:09:00 2012

Il tecnico nega di essere andato a pranzo con il presidente dell'Inter: "Non è affatto vero, è vero soltanto che la mia casa di Londra è vicina al ristorante dove va sempre lui". (foto AP/LaPresse)

Fabio Capello - 0

"Sono stato invitato personalmente da Rivera e mi fa piacere. Sono stato con lui al Milan, in nazionale, ho lavorato nel settore giovanile quando era vicepresidente ed è stata sempre una persona molto corretta nei miei confronti. Lui aveva una genialità e un modo di capire le cose che altri neppure imaginavano". Queste le parole di Fabio Capello, a margine del premio che Platini consegnerà a Gianni Rivera.

"Ho passato anni meravigliosi al Milan - continua l'ec ct dell'Inghilterra a Sky Sport 24 - la società dove ho lavorato più a lungo, ho trovato tanti amici. L'ex presidente Farina mi è venuto a trovare quando allenavo il Real, lo stesso discorso vale per Felice Colombo e poi Silvio Berluscomi, al quale sono legato in maniera particolare. Il momento attuale del Milan? E’molto importante perché nella fase finale rincorrere diventa più difficile, il Milan ha raggiunto consapevolezza della propria forza e mi sembrano determinati, a parte la partita di Londra. Io ero andato a trovarli in albergo e li avevo avvertiti di stare attenti. Però è difficile far rimanere la squadra concentrata dopo un 4-0. Ibra? L'ho portato io in Italia, il giocatore che fa la differenza in tutti i momenti, quando vuole giocare è incontenibile, ha forza, qualità. Di solito i fenomeni hanno statura piccola, ma lui è alto, agile e con grande tecnica, difficile da trovare. È a livello di Van Basten? Lui viveva più per il gol, Ibra ogni tanto si perde perché vuol far vedere qualcosa in più. Sono identici nella tecnica, ma Ibra cerca il numero e qui viene fuori la sua parte balcanica".

"La Juve? Non do consigli a nessuno, se hanno deciso il silenzio stampa ci sarà un motivo". Capello liquida così le proteste bianconere per le decisioni arbitrali e sul suo futuro ribadisce: "Son qui rilassato, da un mese. Sono in attesa. Incontro a Londra con Moratti? E' una bugia grandissima, il fatto che io abito vicino al ristorante dove va Moratti ha inciso, ma assolutamente non è vero. Futuro all'Inter da escludere? Al 100%. Cristaino Ronaldo? Credo che sia un sogno per Berlusconi e il calcio italiano. Non c'è speranza, né per lui, né per Messi. Le loro sono società più ricche che hanno qualcosa in piu'".

CLICCA I LINK CORRELATI PER TUTTI GLI APPROFONDIMENTI SULLA SERIE A!!!

Italpress

Non sei ancora un utente Yahoo! ? subito per avere un account Yahoo!