Arsène Wenger

Sorpreso dal Chelsea, sorpreso dalla scelta di Benitez

Certamente non è usuale assistere a situazioni come quella davvero incredibile che si è verificata in casa Chelsea. Prima di tutto i campioni in carica della Champions League si sono ritrovati in un girone difficile insieme a Shakhtar, Juventus e Nordsjaelland. L'anno scorso non hanno propriamente dominato la scena europea, ma sono riusciti a vincere grazie alla compattezza e all'esperienza del gruppo, unite alle qualità individuali.

Per quanto riguarda il caso che ha portato all'esonero di Di Matteo, è del tutto evidente come la rinomata impazienza di un grande club come il Chelsea abbia avuto effetto. Sono molto triste per il suo esonero. Sebbene avesse assunto la guida della squadra nel corso della passata stagione, è stato in grando di trionfare in Europa. Conosco il grande investimento che sta dietro la nostra professione, ma purtroppo questi provvedimenti sono figli delle severe leggi del nostro mondo.

Il sostituto di Di Matteo sarà Benitez. Lo conosco davvero molto bene, è un allenatore molto carismatico e dotato di una personalità molto forte. Sono sorpreso che lo spagnolo abbia accettato un incarico fino al termine della stagione nonostante sia un tecnico blasonato, in grado di dare una chiara impronta alla squadra che dirige. Certo la situazione del Chelsea in Champions è sorprendente, ma non è da meno la scelta di Benitez.

I soldi nel calcio non fanno tutto, ma non credo che il Manchester City abbia utilizzato male le proprie risorse, dopotutto sono stati sorteggiati in un gruppo molto complicato. L'anno scorso anche noi abbiamo affrontato il Borussia Dortmund e non fu affatto semplice. Ora se la giocheranno con l'Ajax per l'Europa League, ma non dimentichiamo che erano in vantaggio per 2-1 in casa del Real Madrid fino a tre minuti dal novantesimo e penso che la squadra abbia accusato tanto la sconfitta arrivata in quel modo nel finale.