Pallonate

L'antidoto ai veleni? Via libera alla tecnologia

Immancabile, inesorabile…è arrivato. Il riferimento al gol di Muntari è la ciliegina sulla torta della coda di polemiche seguite all'ennesima — maledetta — domenica dei veleni. Alla sfida all'Ok Corral tra Inter e Juve a colpi di dossier e trovate sui siti Internet ufficiali, ormai diventati un'arma di vittimismo di massa, si è accodato pure il terzo incomodo, un sarcastico Galliani con l'evergreen del gol annullato lo scorso anno al ghanese e la new entry di un derby furtivamente sottratto ai rossoneri da una direzione di gara "tecnicamente" inadeguata. Francamente preferivamo il film con i leggendari Burt Lancaster e Kirk Douglas: che stile, che classe. Proprio quelle prerogative che fanno difetto ai dirigenti delle nobili del nostro calcio. Nessuno escluso.

Se da una parte la Juventus proprio non riesce a recidere il cordone ombelicale con i fattacci di Calciopoli — il manifesto Palazziano (bis) pubblicato ieri ne è la riprova — l'Inter vive l'eterno complesso della vittima predestinata, insabbiando le proprie — lampanti — lacune tecniche (le autostrade concesse ai velocisti di Atalanta e Cagliari per esempio), che si sommano agli sbandierati — e altrettanto lampanti - torti subiti ma anche ai favori taciuti — Catania e derby docet.

Non c'è via d'uscita, siamo condannati a vivere Bloody Sunday calcistiche senza soluzione di continuità. Quel "E' una vergogna" urlato a mezzo telecamera da Giampiero Ventura (dopo un sofisticato rigore contro il suo Toro) è l'ultimo di una lunga serie di sfoghi sopra le righe. Ormai non ci sono più le condizioni per quel fantomatico clima di serenità che tanto gioverebbe alla classe arbitrale. Non ci sono più cupole, non ci sono più le vergognose trame ordite da Moggi e i suoi (tanti) fratelli, ma le polemiche sono — se possibile — aumentate a dismisura. Polemiche nei confronti di direttori di gara che guadagnano 38000 euro (lordi) a partite con la spada di Damocle dello svarione che potrebbe costargli dolorosi — e onerosi - turni di squalifica, confusi e irretiti dai mille occhi interessati — e spesso prevenuti — puntati su di loro.

Siamo arrivati al punto di non ritorno. Come uscirne? TECNOLOGIA. Lo sport cambierebbe, si trasformerebbe in qualcos'altro? Benissimo, qualunque cosa sarebbe preferibile a questo teatrino che dobbiamo sorbirci tutte le domeniche. L'esperimento dell'arbitro di porta è miseramente fallito: basta mezze misure, srotoliamo il tappetino rosso all'occhio di falco.

di Paolo PEGORARO (Twitter: @PaoloPego82)

"Pallonate" è il blog irriverente di Yahoo! Eurosport dedicato al calcio italiano: appuntamento online ogni mattina, dal Lunedì al Venerdì

FOTO: Serie A, le immagini più belle

VIDEO: Calcio, highlights e interviste

Quote e curiosità dal mondo delle scommesse