Pallonate

Il pagellone della 19esima giornata

Siamo al giro di boa. Con le gare della 19a giornata si è chiuso il girone d’andata del campionato di Serie A. Ecco i voti dell’ultimo turno. Siete d’accordo?

10 – COLPO GOBBO DELLA SAMPDORIA Sapete a quanto era data la vittoria dei blucerchiati sul campo della capolista? A 14 (quota Better), e non vogliamo nemmeno pensare a quanto fosse (ma voi lo saprete benissimo) sul risultato di 1-0. In pochi avrebbero scommesso sul secondo ko interno della Juventus; sicuramente lo avrebbe fatto Delio Rossi, bravissimo a non mollare e a non snaturare l’impostazione tattica e l’atteggiamento della sua squadra anche nel momento più difficile.

9– TORNADO CAVANI, E ORA CHI LO FERMA? Tre gol alla Roma (otto in 11 gare con i giallorossi), e si porta il pallone a casa: Edinson Cavani vale solo 63 milioni di euro (la cifra fissata dal Napoli per la sua clausola rescissoria)? Secondo noi anche qualcosa di più. Con questi fanno 16 in campionato (in 16 partite, capocannoniere), 25 stagionali (in 23 partite). Difficile trovare un personaggio più letale di lui in Serie A: De Laurentiis, tienitelo stretto, finché puoi.

8 – DI NATALE-MURIEL, INTER ANCORA IN VACANZA I nerazzurri crollano e tutti accusano Strama: “Ma si doveva proprio tornare a lavorare solo il 2 di gennaio, quando tutti già avevano ripreso a fine 2012?”. I problemi dell’Inter però non si “spugnano” via solamente con questo particolare. Il quarto posto attuale deriva dalle quattro sconfitte nelle ultime otto giornate. L’ultima delle quali segnata dalla coppia Di Natale-Muriel: attenti a quei due…

7 – PERIN STOPPA LA FIORENTINASe il Pescara strappa tre punti in casa della lanciatissima Fiorentina, il maggior merito è suo: 15 le parate decisive, nessuno in Europa quest’anno ha fatto come lui nei cinque campionati maggiori (dato Opta). “Sono giornate che capitano così, fortunamente oggi è andata bene”, commenta il portiere più spensierato della Serie A. “E qualcuno lo aveva anche criticato”, fa eco il suo allenatore Cristiano Bergodi.

6 – BORRIELLO, INATTESA RINASCITA – Ma non doveva andare via? Borriello all’Inter, Borriello alla Juve, anche al Milan piace. Niente di tutto ciò: arriva il Bologna e Marcone lo stende con una doppietta, che mancava dal suo personalissimo score dal gennaio del 2011. Redivivo.

5 – ROMA SULLE MONTAGNE RUSSE – “Roma da scudetto”, anzi no “Roma fallimentare”: impossibile definire la creatura giallorossa, che una volta fa sognare, come contro il Milan, e quella dopo ripiomba nei soliti errori marchiani, come con il Napoli. La Roma ha subito 3 o più reti in 6 partite in questa Serie A Mazzarri non ci poteva credere: “Con gli spazi che c’erano avremmo potuto creare 6-7 palle –gol in più”. Zeman ha a disposizione giocatori dal grande potenziale, ma soprattutto dalla vita in su. Dietro il tavolino traballa, e non bastano un paio di fogli di giornale per sistemarlo.

4 – PALERMO, COMPRARE UN PORTIERE NO EH?“Ujkani è in un periodo no, in porta contro il Parma ci va Benussi”. Il Palermo è in emergenza, serve esperienza e affidabilità, e Gasperini concede una chance al suo secondo portiere: partita decisa da un suo goffo intervento su girata di Amauri (un ex, che non esulta) al 92’. Fortuna che c'è il calciomercato. Il Parma ringrazia e si conferma ottava forza del campionato.

3 – BUFFON SBAGLIA E LA JUVE VA KO “Ogni volta che sbaglio, poi non si vince e questo mi disturba”: Gigi Buffon è un grande anche perché sa ammettere i propri errori. Lo svarione sul primo gol di Icardi non è da lui, ma non ditegli che ha sbagliato anche sul secondo: “Devi fare una grandissima parata per prenderlo, dal basso verso l’alto”. Magari questa notte non ha dormito, ma siamo sicuri che per il prossimo errore bisognerà attendere il 2014.

2 – LODI, UN ROSSO E UN TWEET EVITABILISubisce fallo da Meggiorini, reagisce e si becca il cartellino rosso al 13’ di Catania-Torino. Finirà 0-0, con gli etnei vincitori ai punti, ma già prima del 90’ arriva un tweet (sospetto) dall’account di Francesco Lodi: “Chiedo scusa ai tifosi, hai (con l’acca!) miei compagni, alla società e a tutto il Catania per l’espulsione”. Poi la rettifica: “Non ho scritto io il mess, ho dato ordine a mio cugino che ha 10 anni se ha sbagliato nel scrivere chiedo scusa anche per lui”. Infine, cancellerà tutto. Meglio così.

1 - RIGORI, DARLI O NON DARLI? QUESTO E’ IL DILEMMAIl weekend appena passato sarà ricordato per quello dei “rigori”: contestati quelli assegnati un po’ generosamente a Lazio e Milan; reclamati a gran voce, ma non ottenuti quelli di Inter, Juventus e Genoa. Inutile dilungarsi su quelli che c’erano e che non c’erano: non siamo qui per questo. Una cosa è certa: gli arbitri (titolari) potrebbero essere aiutati un po’ di più dagli arbitri (gli altri tre o quattro che girano per il campo).

0 - I “BUU” A IBARBO ALL’OLIMPICOBasta. Stop.

di Davide BIGHIANI (@davidebig10)

***

"Pallonate" è il blog irriverente di Yahoo! Eurosport dedicato al calcio italiano: appuntamento online ogni mattina, dal Lunedì al Venerdì

FOTO: Serie A, le immagini più belle

VIDEO: Calcio, highlights e interviste

Quote e curiosità dal mondo delle scommesse