Il quotista mascherato

Quagliarella e la scaramanzia napoletana

Questa settimana voglio fare un esperimento. Per vedere se vale la regola che lodarsi porta un male della miseria, così come porta sfiga anche lodare qualcun altro. E lo faremo, ovviamente, attraverso le parole e le quote di due dei protagonisti del week end. Partiamo dal clou di questo fine settimana, Juve-Napoli con l'osservato speciale Fabio Quagliarella. Ex di lusso che da quando ha mollato gli azzurri per i bianconeri non è proprio in rapporti idilliaci con la sua ex squadra.

Per la «gioia» dei tifosi napoletani, nelle dichiarazioni prima della gara Quagliarella si è lanciato in un pericolosissimo «Sì, il Napoli quest'anno è da scudetto». Ho degli amici che ancora stanno lì a fare gli scongiuri prima della partita, che per la cronaca vede la Juve favorita a 1,80 e il blitz degli azzurri a 4,25. Quanto alla lotta scudetto, il colore delle quote è ancora bianconero con la Juventus a

1,55 e la squadra di Mazzarri a 4,50. Quagliarella, da buon napoletano, con le sue dichiarazioni avrà voluto esorcizzare proprio il fatto che sulla carta la Juve sia così favorita in entrambe le situazioni.

Passiamo invece a un altro che dice di sentirsi italiano al 100%, che l'italiano lo parla alla perfezione ma che a sentire le dichiarazioni tradisce una conoscenza non proprio approfondita della cultura italiana.

Vladimir Petkovic, ct della Lazio che quando gli hanno chiesto le sensazioni prima di incontrare per il Milan se n'è uscito con un pericolosissimo (almeno per chi è scaramantico) «la mia Lazio è sempre favorita». Giù scongiuri anche in questo caso immagino, anche se le parole di Petkovic si allinenano con le quote: Lazio favorita a 2,40, Milan a 2,85. Adesso non resta che aspettare la fine del week end e vedere come va a finire il nostro esperimento.

Buone scommesse a tutti