Stefano Benzi

Il giorno che Claudia abbandonò la cabina di commento

Claudia Morandini ha due qualità importanti: è un'ottima sciatrice ed è una splendida donna. La prima le consente di essere diventata una commentatrice eccellente. La seconda costringe di tanto in tanto gli organizzatori di eventi importanti come il Mondiale di Sci a qualche correzione di metodo. Nel senso che quando ha finito il commento, e scende in zona mista, Claudia non passa inosservata. E di conseguenza nelle gare maschili è facile che gli sciatori preferiscano farsi intervistare da lei piuttosto che da altri. Stessa cosa con le sciatrici perché è amica di molte di loro, ne ha condiviso lavoro, passioni e speranze.

Secondo me Claudia non ha mai smesso di essere una sciatrice: in cabina sotto le cuffie soffre, si dimena, si agita. Credo abbia le ginocchia piene di lividi perché simula i movimenti di chi scende e sbatte regolarmente contro tavoli e pannelli insonorizzanti della cabina: se poi a scendere è una sua amica…

Non è un mistero che Claudia e Daniela Merighetti siano molto amiche, al punto che un po' egoisticamente io stesso mi ritengo amico di Dada per empatia e custodisco gelosamente il poster con la sua dedica qui in redazione. Vedere Claudia patire o gioire quando una ragazza italiana scende è impagabile: ho pensato che una webcam in cabina solo per fissare la sua mimica sarebbe adatta. Gianmario Bonzi, il suo compagno di merende, la lascia fare: e un po' ci gode perché è un romantico e alle ragazze dello sci si è affezionato anche lui in modo pazzesco.

Ammetto, vederla buttarsi fuori dalla cabina abbandonando le cuffie nel mezzo della diretta per correre in zona mista dalla ex compagna di squadra che aveva fatto medaglia a Garmisch è stato bello, molto bello. Perché ho capito che la commentatrice era ancora sciatrice: e il confine tra le due era talmente sottile che valeva la pena lasciarlo così… impalpabile.

di Stefano BENZI (Twitter: @stefano_benzi)

**********

Vai alla pagina ufficiale di Stefano Benzi

Vai alla pagina Facebook di Stefano Benzi

Blog osservatoresportivo.com