Top & Flop

La Top 20 dei libri sportivi sotto l’albero

Natale è alle porte, e allora quale momento migliore per regalare un buon libro a un amico o a un conoscente? Abbiamo provato a fare una selezione di 20 testi che trattano di argomenti sportivi tra quelli usciti nell'ultimo anno (o quasi). Ci sentiamo di suggerirveli tutti, nessuno escluso e non in questo ordine. Ecco perché...

“Coaching Mourinho” di Juan Carlos Cubeiro e Leonor Gallardo, Antonio Vallardi Editore (192 pagine, 12,90 euro)

Avvicinarsi allo Special One in un modo innovativo. Il testo affronta il metodo di lavoro del lusitano da una prospettiva completamente nuova e trasversale. Dopo aver presentato la carriera dello Special One in tutte le sue sfaccettature, gli autori vanno oltre e analizzano non tanto i traguardi raggiunti da Mourinho, quanto il modo attraverso il quale è stato possibile spingersi così in alto. Per scoprire che, incredibile ma vero, la filosofia dell'ex tecnico interista è applicabile anche alle nostre vite. Dedicato non soltanto agli appassionati di calcio, ma anche - se non soprattutto - a un pubblico generalista, "Coaching Mourinho" svela punto per punto la teoria che sorregge il "modus operandi" del portoghese. Dal modello duale imparato da Louis van Gaal (la netta separazione tra l'io privato e quello pubblico) sino al ruolo da lui reso celebre di parafulmine.

“Superbike, il libro ufficiale 2012-2013” di Claudio e Fabrizio Porrozzi, Giorgio Nada Editore (207 pagine, 19 euro)

Il modo migliore per celebrare Mondiale appena andato in archivio e soprattutto l’ultima impresa in carriera di Max Biaggi, che campeggia con il suo “numero tre” in copertina. Una stagione mozzafiato da rivivere gara dopo gara con tutti i tempi e il foto-racconto di ogni tappa della SBK 2012. Splendida poi la presentazione di tutte le moto che si sono date battaglia in questa edizione fortunatissima, una delle migliori nei 25 anni di storia del Mondiale derivate. Un libro da collezione.

“La Ferrari secondo Forghieri” di Mauro Forghieri e Daniele Buzzonetti, Giorgio Nada Editore (304 pagine, 50 euro)

Un viaggio completo e senza precedenti nel magico e mitico mondo Ferrari, accompagnati da una leggenda del cavallino rampante, Mauro Forghieri, il padre delle più importanti monoposto di Maranello, protagoniste indiscusse degli anni Sessanta e Settanta. Dalla 158 F1 di Surtees alle imbattibili rosse dell’era Lauda e Regazzoni. Una galleria d’immagini unica, spiegata e commentata , con parole semplici e dirette dallo stesso Forghieri. Racconti di vita, aneddoti e dettagli tecnici, il tutto arricchito da una serie di disegni di Giorgio Piola.

“Roberto Mancini, this is football” di Alberto Dalla Palma e Paolo Franci, Aliberti editore (147 pagine, 14,5 euro)

Non c’è soltanto Mourinho a interessare gli appassionati di calcio italiani. Da non perdere, infatti, è il testo dedicato all’allenatore del Manchester City. Un volume curato in ogni dettaglio, che ripercorre la carriera da tecnico di Mancini. Dalla partita che ha regalato il primo titolo negli ultimi 44 anni ai suoi, fino ai retroscena del duello bollente con Sir Alex Ferguson. Un libro molto interessante, nel quale si può scoprire ogni dettaglio del Mancio allenatore, un personaggio solitamente piuttosto schivo e geloso del proprio privato. Un mister che ora non ha più misteri. Anche perché in “This is football” è presente la tesi con la quale Mancini si è laureato allenatore ormai undici anni fa. Un ottimo testo per un ottimo tecnico.

“Lorenzo Pellegrini e le donne” di Enrico Brizzi, Italica edizioni (352 pagine, 20 euro)

Tra i testi che abbiamo selezionato non poteva mancare la perla dell’autore di “Jack Frusciante  è uscito dal gruppo”, un romanzo che prosegue la personalissima Epopea Fantastorica Italiana dell’autore, che ha come sfondo gli anni 50 di un’Italia uscita vittoriosa dal conflitto mondiale e vive ancora la durezza del fascismo. Cosa c’entra lo sport? C’entra eccome, perché la ricostruzione di un passato parallelo coinvolge il calcio e la storia di una Nazionale con ancora i giocatori del Grande Torino protagonisti (già, la tragedia di Superga non è mai esistita). Splendido.

“Sognando il Barça – L’epopea di una squadra e della sua città” di Andrea Fanì, Limina Edizioni (197 pagine, 16 euro)

“Buonasera, sono il fantasma di Joan Gamper”, inizia così il libro dedicato al club che sta riscrivendo la storia del calcio negli ultimi anni. Una storia dalle radici lontane del tempo, ripercorsa sin dalle origini un testo che sa descrivere in ogni dettaglio l’essenza della maglia blaugrana. Perché “més que un club” non è soltanto un motto, ma è la rappresentazione sportiva di un’identità popolare.

“Ho scelto di stare davanti alla porta” di Sandro Mazzola con Marco Civoli, Limina Edizioni (279 pagine, 16 euro)

L’autobiografia di uno dei calciatori più forti mai prodotti dall’Italia, ma soprattutto la storia di un ragazzo divenuto uomo all’ombra del padre Valentino, la stella più fulgida del Grande Torino. Dagli esordi sino alla conquista del mondo con la maglia nerazzurra, senza dimenticare il ricordo dei personaggi incrociati in una storia che copre l’arco di settant’anni. Da Giuseppe Meazza sino a Ronaldo, passando per Angelo e Massimo Moratti. Mazzola ha tanto da raccontare e lo dimostra in un testo che racchiude a meraviglia tutti i suoi famosi aneddoti. Per gli interisti e non solo.

“La corsa non finisce mai” di Pietro Mennea e Daniele Menarini, Limina Edizioni (214 pagine, 16 euro)

La leggenda dello sport italiano decide finalmente di aprirsi al racconto della propria fulgida carriera. Con il ricordo delle imprese che fanno rivivere un’epoca e segnano anche il suo testamento alle nuove generazioni sportive. “Esiste un solo modo per sapere se si fallirà o si vincerà: provarci”. Didattico ed evocativo, l’ideale per unire padri e figli nell’amore per lo sport.

“Basket, uomini e altri pianeti” di Ettore Messina e Flavio Tranquillo, ADD Editore (254 pagine, 16 euro)

La penna fine di uno dei migliori giornalisti italiani racconta con stile e ironia l’avventura ai Los Angeles Lakers del miglior coach italiano. Un viaggio in un pianeta a parte, con il ritratto di alcuni personaggi straordinari che non capita tutti i giorni di poter descrivere da una prospettiva più comune ai nostri palati. È il lungo racconto di una stagione indimenticabile per Messina, dagli insegnamenti della NBA alla “storica” gomitata del novello Metta World Peace su Harden. Racconto, tecnica e umanità. Da leggere tutto d’un fiato.

“Baumgartner, nato per volare” di Gianni Miraglia, ADD Editore (95 pagine, 10 euro)

Ve lo ricordate ancora o lo avete già dimenticato? Bene, in ogni caso è perfetto per voi l’istant book dedicato all’uomo che ha tenuto con il fiato sospeso il mondo soltanto pochi mesi fa con un salto da 39060 metri a 1227 km/h. Il modo migliore per capire perché la decisione insolita di un uomo si è trasformata in un fenomeno globale pari allo sbarco sulla luna. E capire se effettivamente c’è qualcosa di Baumgartner che possiamo portare nelle nostre vite di tutti i giorni. Sorprendente.

“Football Clan” di Raffaele Cantone e Gianluca Di Feo, Rizzoli (288 pagine, 17 euro)

Stona un po’ con lo spirito natalizio, lo ammettiamo subito. Ma il vero amante del calcio non può ignorare anche gli aspetti che vanno oltre il campo. I verdetti decisi a monte, i movimenti societari più loschi. Lì dove la criminalità sguazza. Dalla gita a Scampia di Balotelli alle frequentazioni dubbie di Sculli, il magistrato Cantone racconta storie inquietanti senza farsi troppi scrupoli. Ma arrivando così a svelare il sistema di controllo malavitoso che giace dietro al gioco più amato dagli italiani. Buone feste.

“Il calcio dei ricchi” di Mario Sconcerti, Dalai Editore (256 pagine, 17 euro)

Il giornalista torna ad analizzare il calcio nella sua attualità dopo aver ripercorso due anni fa la storia delle idee tattiche che ne hanno costituito la base in 100 anni di storia. La domanda è questa: un calcio sempre più povero come quello italiano, riuscirà a tornare competitivo su larga scala? Sconcerti si interroga e, soprattutto, prova a dare risposte che forse chi governa il nostro movimento farebbe bene a prendere in considerazione.

“Il favoloso mondo di Francesca” di Matteo Musso, Limina Edizioni (326 pagine, 16 euro)

La tennista italiana che ha esaltato gli appassionati negli ultimi anni si apre in un libro racconto nel quale tutta la propria straordinaria storia emerge nella sua bellezza. Arrivando sino al trionfo nell’epico Roland Garros del 2010, quello in cui Francesca Schiavone ha portato il proprio nome sul gradino più alto trionfando in finale contro Samantha Stosur. Un testo da non perdere per tutti gli appassionati di tennis, anche perché a corredo non mancano interviste eccellenti a Martina Navratilova e alla “nostra” Barbara Rossi.

“Heysel, la verità di una strage annunciata” di Francesco Caremani, Bradipo Libri  (248 pagine, 15 euro)

La drammatica notte del 29 maggio 1985, quella in cui prima della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool persero la vita 39 tifosi bianconeri nel settore Z, schiacciati dalla calca provocata dagli hooligans inglesi. Una tragedia ricordata con grande sensibilità dalla penna di Caremani, capace di entrare in ogni dettaglio per lasciare un ricordo di quelle vittime e di quella insensata tragedia. Con prefazione di Roberto Beccantini.

“Football Rivalries, Derby e rivalità calcistiche in Europa” di Vincenzo Paliotto, Urbone Publishing (204 pagine, 14,99 euro)

Qual è il derby più appassionante in Europa? Leggete questa guida e avrete certamente la risposta. L'autore analizza una per una tutte le stracittadine più belle e sentite nel panorama del Vecchio Continente, facendoci scoprire la nascita, lo sviluppo e l'attuale stato di più di 150 rivalità calcistiche. Anche nell'era degli acquisti facili e del predominio del "dio denaro", sono sempre le sfide all'interno della stessa città a far smuovere più di altre l'animo dei tifosi. Dall'Inghilterra alla Spagna, passando per i Paesi baltici: quello in cui ci accompagna Vincenzo Paliotto è un vero e proprio tour, che scava nelle radici dell'Old Firm in Scozia ma che non dimentica anche i piccoli scontri di provincia del Sud Italia. Il "plus" è costituito dagli svariati aneddoti che aggiungono pepe e stimolano la curiosità del lettore.

"Maledetto Zeman" di Andrea Corti, Editori Internazionali Riuniti (128 pagine, 9 euro)

Zdenek Zeman, un genio del calcio oppure un sopravvalutato? Andrea Corti ci descrive i tratti di questo allenatore che si odia o si ama, così come tutte le cose estreme. E lo fa ripercorrendone le gesta, dalle prime stagioni al Foggia alla ribalta nella Capitale, e poi ancora la discesa nelle serie minori sino al contestato ritorno nella sua Roma. E' impossibile leggere nella mente di questo personaggio imperturbabile che raramente distribuisce sorrisi ma che sa colpire con le sue parole, misurate e taglienti come un rasoio. Per gli amanti della tattica (e per i nostalgici), imperdibile la chiosa con tutti i moduli e i giocatori utilizzati dal boemo nella sua lunga carriera italiana e non.

“Non puoi dire sul serio” di John McEnroe e James Kaplan, Piemme (376 pagine, 18,99 euro)

Dopo l’autobiografia rivoluzionaria di André Agassi, arriva in Italia anche quella di uno dei tennisti più controversi e talentuosi di tutti i tempi. Ma, giura lui, questo libro è stato scritto prima di quello del giovane erede. “E poi la sua è una seduta psicanalitica, il mio un libro”, aggiunge McEnroe. In altre parole, trecento e passa pagine da leggere tutte d’un fiato per rivivere la trabordante carriera di un asso assoluto. Dentro e fuori dal campo.

“Il manuale del calcio. Il calcio è semplicità” di Agostino Di Bartolomei, Fandango Libri (269 pagine, 15 euro)

A molti anni di distanza dall’addio del rimpianto capitano romanista, ecco un testamento sportivo che racconta anche ai giovani la grandezza del personaggio. Il calcio spiegato a chi intraprende questa professione per gioco, con il cuore e la sensibilità di un campione vero di sport e lealtà. Toccante, ricco di sensibilità e semplicemente unico. Per i più piccoli e per chi non ha ancora smesso di rimpiangerlo.

“Lo sport del doping” di Alessandro Donati, Edizioni Gruppo Abele (304 pagine 16 euro)

Di doping si parla e scrive tanto. Ma, probabilmente, mai con la cognizione di causa di Donati, che spiega in modo complessivo e concreto l’evoluzione contemporanea di un fenomeno che non coinvolge più soltanto gli atleti di punta ma arriva sino agli amatori della domenica. Generando traffici internazionali che definire di dubbia morale sarebbe riduttivo. Non il più conciliante dei testi, ma di certo uno dei più utili.

“Il Nostro Sic” di Rossella e Paolo Simoncelli con Paolo Beltramo, Rizzoli (351 pagine, 19 euro)

A un anno di distanza dalla morte di Marco Simoncelli, il suo ricordo toccante trasuda vivo dalle pagine scritte dai genitori in compagnia di un giornalista innamorato di quel pilota folle e simpatico. Dai ricordi di infanzia sino al debutto in MotoGP, con le gioie dell’impresa in 250cc e tutto ciò che nessuno sapeva del Sic. Trenta persone lo ricordano. Con gioia, prima di tutto.

di Davide BIGHIANI/Stefano DOLCI/Mattia FONTANA/Andrea PRETE