Atletica - Favor-Hamilton: la mezzofondista diventata escort

Era una delle promesse dell'atletica degli Stati Uniti: poi, un brutto periodo di depressione l'ha portata a vivere una doppia vita

E' stata per nove volte campionessa a livello collegiale, riconosciuta per tre volte come atleta dell'anno della Big Ten (la Conference dove gareggiava con la sua università, Wisconsin) ha rappresentato gli Stati Uniti in tre edizioni olimpiche tra il 1992 e il 2000, è stata per tre volte campionessa nazionale nei 1.500 metri: poi, a più di 40 anni, Suzy Favor-Hamilton, la classica "ragazza della porta accanto" che ha fatto impazzire tantissimi americani quando era al top della sua forma, è entrata a far parte del controverso mondo della prostituzione di alto bordo.

Sebbene velocissima ed estremamente promettente, Suzy Favor-Hamilton non è mai riuscita ad affermarsi a livello olimpico, dove, anzi, ha raccolto le delusioni più amare della sua carriera: a Sydney 2000, quando stava vincendo la gara nei 1.500 metri, cadde malamente a terra infortunandosi. In un primo momento indicò la causa dell'incidente nella disidratazione, poi, l'anno successivo, spiegò che fu colta da un attacco di panico per l'eccessiva pressione che si era caricata sulle spalle: voleva vincere a tutti i costi per dedicare il successo al fratello, morto suicida nel 1999.

Suzy vive da tempo a Madison, nel Wisconsin, assieme al marito, Mark Hamilton, da cui ha ereditato il cognome: i due si sono conosciuti al college, dove Mark giocava come pitcher nella squadra di baseball, e si sono sposati una settimana dopo la laurea. Madre di famiglia apparentemente perfetta, e per questo apprezzata e riconosciuta a livello nazionale anche da un'importante batteria di sponsor, Suzy ha cominciato a intraprendere la via della prostituzione all'inizio dello scorso anno, per combattere una profonda depressione e le difficoltà sofferte in un matrimonio non più perfetto come agli inizi.

"Non mi aspetto che la gente capisca - ha spiegato - ma i motivi che mi hanno spinto a prendere questa decisione erano molto pressanti. E, a quel tempo, mi sembrava la cosa giusta da fare. Vivevo una specie di doppia vita: prostituirmi mi permetteva, in un certo senso, di evadere dalle difficoltà per cui stavo soffrendo in quei momenti".

Suzy ha lavorato per un anno per un'agenzia di escort con base a Las Vegas e spostamenti anche a Los Angeles, Houston e Chicago: si faceva chiamare Kelly Lundy, ed era disponibile per 600 dollari a notte: qualcuno dei suoi clienti l'ha anche riconosciuta, e pare che la stessa agenzia abbia pagato un giornalista perché non rivelasse la storia. Il marito era a conoscenza di tutto: non approvava, ma il matrimonio è rimasto intatto. Poi, nel dicembre del 2011, Suzy si è ravveduta ed è tornata sui suoi passi, rimettendosi i panni di moglie e madre modello.

"Mi dispiace se ho fatto male a qualcuno - ha ammesso -. Mi dispiace soprattutto per i miei cari, che mi sono sempre stati vicini. Ora, però, voglio chiudere questo capitolo della mia vita, e tornare a essere la persona che ero prima".

Suzy è ora in cura da uno psicologo, e pensa anche di scrivere un libro per raccontare la sua triste storia e il modo in cui sta provando a uscirne. Tanti suoi tifosi, in America, sperano che ci riesca presto.

* * * * *

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport