ATP World Tour Finals - Del Potro trova l'impresa: è in semifinale

Il tennista argentino si regala il lusso di battere per la seconda volta consecutiva Roger Federer (dopo Basilea) e centra così la semifinale delle ATP Finals di Londra. 7-6, 4-6, 6-3 il punteggio che consente a Del Potro di raggiungere Djokovic, Federer e Murray. Rimane beffato David Ferrer che con Tipsarevic ha deciso gli accoppiamenti: Del Potro-Djokovic e Federer-Murray

Quella di Del Potro è un’impresa da raccontare ai nipotini. Non è tanto il 7-6, 4-6, 6-3 che gli permette di accedere matematicamente alle semifinali della ATP Finals di Londra – che per altro il tennista argentino ha già giocato – ma più che altro il fatto che il gigante di Tandil, per la seconda volta consecutiva, si permette di battere Roger Federer. Un’impresa che sicuramente non molti giocatori possono vantare nel circuito.

IL LEITMOTIF DEL MATCH - Sicuramente è giusto sottolineare come Federer, ancor prima di scendere in campo per questa ultima giornata di round robin alla O2 Arena di Londra, fosse matematicamente qualificato alle semifinali ma, detto questo, l’impegno dello svizzero non è certamente mancato. Anzi. Per la prima volta in 5 giorni di tennis abbiamo infatti assistito a una sfida tra due giocatori veramente soldi e regolari al servizio e, dopo il match di Federer proprio con lo sfortunato Ferrer – già fuori nonostante la sfida ancora da giocare con Tipsarevic – questa è una notizia.

LA DIFFERENZA TRA ME E TE- L’impresa di Del Potro è infatti quella di aggiudicarsi una partita dove Federer ha concesso soltanto una palla break. Ma quella tanto è bastata al tennista argentino per conquistarsi una sfida delicatissima al terzo e lasciare al palo, come accennato, il malcapitato David Ferrer che contro Federer di chance per strappare il servizio al suo avversario ne aveva avute addirittura 12. E probabilmente, sotto questo punto di vista, è anche giusto così.

CALO IMPROVVISO - Dal punto di vista puramente tecnico, invece, la partita non ha regalato grossi spunti, se non come sottolineato la grossa costanza di entrambi col proprio turno di servizio. Il primo set è scorso via regolare fino all’ottavo game, quando Del Potro ha dovuto annullare tre palle break (due consecutive) a Federer prima di imporsi al tie-break. Già, proprio il tie-break è stato ancora fatale al fenomeno di Basilea che con 4 errori non forzati – due steccate clamorose – ha permesso a Del Potro di andare a far gara di tetsa.

LA REAZIONE DEL CAMPIONE - La rabbia dello svizzero per un primo set concluso davvero non su i suoi standard si è ritradotta però in cattiveria agonistica in avvio di secondo, dove un parziale di 8 punti a zero – arrivati grazie a 5 minuti di super Federer – ha di fatto regalato allo svizzero la sicurezza di conquistarsi il set e con quello garantirsi il primo posto nel girone. Dopo lo strappo, infatti, entrambi i giocatori hanno fatto valere la propria legge al servizio e la partita e volata via per 6-4 nel tempo d’infusione di una bustina di “english classic”.

A DELPO BASTA UNA PALLA BREAK - Con la sicurezza del primo posto nel girone Federer ha probabilmente leggermente allenato l’approccio mentale al terzo set e Del Potro, invece, che si giocava la permanenza, è diventato ancora più implacabile al servizio trovando anche lo strappo necessario a regalargli la semifinale. Dopo un game conquistato a zero, infatti, l’argentino ha infilato 4 punti consecutivi dallo 0-30 sul servizio di Federer confermando poi il break appena ottenuto nuovamente a zero. Traduzione? Una partenza di terzo set con un parziale di 12 punti a 2. Gap costruito e tanti saluti al telespettatore David Ferrer. Federer ha poi ritrovato se stesso dal quarto gioco ma il gigante di Tandil, da quel momento, ha confermato l’inviolabilità della sua battuta chiudendo il set per 6-3 e concedendo un totale di soli 2 quindici al suo avversario.

SUPER SUNDAY - I protagonisti delle semifinali saranno dunque quelli che, proprio da queste pagine a inizio settimana, avevamo pronosticato: Roger Federer, Andy Murray, Juan Martin Del Potro e Novak Djokovic. Che con l’esclusione di Nadal è poi il meglio che le ATP Finals potessero regalare. Con il successo di Ferrer su Tipsarevic nell'ultimo match del sabato, si sono decisi gli accoppiamenti: Del Potro chiude il girone come secondo e affronta Djokovic, mentre Federer chiude primo e si prende il padronde di casa Murray. Si inizia a partire dalle 12, sempre in diretta scritta su Eurosport.

Appuntamento a domenica alle ore 12 per la DIRETTA SCRITTA delle semifinali delle ATP World Tour Finals. Segui Eurosport su Facebook e Twitter per rimanere aggiornato su tutte le news di sport 24 ore al giorno