Balotelli 'graziato': 3 giornate di stop

Mano leggera del giudice sportivo inglese che ha inflitto 'solamente' tre giornate di squalifica a Mario Balotelli dopo l'ennesimo rosso rimediato in Premier League. Non è stata utilizzata la prova tv per il fallaccio su Song

Mano relativamente leggera da parte del giudice sportivo inglese che ha squalificato per tre turni Mario Balotelli dopo il rosso rimediato nella sfida di domenica contro l'Arsenal.

Un doppio giallo, il secondo per uno scomposto intervento ai danni di Sagna, che aveva mandato su tutte le furie Balotelli prima, e Mancini poi. Il tecnico del City, che aveva già dovuto digerire un ko che sapeva tanto di 'addio al titolo', nel dopo partita aveva attaccato duramente il giovane attaccante italiano minacciando di escluderlo fino a fine stagione dall'undici titolare. Una sorta di addio anticipato in vista del prossimo mercato estivo, quando Mario potrebbe acquistare un biglietto di ritorno per l'Italia.

Tre giornate 'leggere', ma inevitabili vista la recidività di Mario che lunedì aveva comunque chiesto scusa pubblicamente auspicando di non dover rinunciare nuovamente alla Nazionale a causa dell'ormai celebre codice etico imposto da Cesare Prandelli. Quello che deciderà di fare il ct, però, resta ancora un mistero.

E' andata dunque. In mattinata, infatti, la stampa inglese aveva addirittura previsto ben 9 giornate di squalifica. Un presagio figlio del bruttissimo fallo, non visto dal direttore di gara, di Balotelli ai danni di Song. Un intervento killer - piede a martello sul ginocchio del centrocampista camerunese - che aveva suscitato grande scalpore tra l'opinione pubblica, ma non solo. Il giudice inglese ha però deciso di non utilizzare la prova tv. Che poi la stagione inglese di Balotelli - con ancora sei partite di campionato a disposizione - sia comunque già finita, lo aveva anticipato Mancini domenica pomeriggio.