Calcio - Marchisio chiede scusa in napoletano

Il centrocampista della Juventus fuga ogni dubbio sulle parole pronunciate qualche giorno fa durante un'intervista a "Style". E lo fa in "lingua originale" napoletana: "Cari Napoletani mi dispiace per tutto il casino che è successo. Ma io non volevo offendere nessuno. E' solo calcio...un caro saluto!"

Qualche giorno fa Claudio Marchisio aveva rilasciato delle dichiarazioni a "Style" che ha sollevato un vespaio di polemiche. Il centrocampista della Nazionale aveva detto: “Non c’è un giocatore verso cui prova antipatia, ma una squadra: il Napoli. Dopo le ruvide finali di Coppa Italia e Supercoppa quando li affronto scatta qualcosa dentro di me”.

Veemente la reazione della società azzurra: “Marchisio ha offeso noi e il calcio italiano. Attendiamo chiarimenti da parte del giocatore e della Juventus”.

La stessa società bianconera aveva tagliato corto: “Nessuna offesa, solo antipatia sportiva. Chi non capisce questa cosa monta una polemica sterile”.

Nella puntata in onda ieri sera delle "Iene", il calciatore bianconero Marchisio ha provato a cancellare le polemiche per la frase sull'antipatia nei confronti della squadra napoletana. Intervistato dal simpatico Rosanova ha affrontato la vicenda con ironia e ha accettato di scusarsi con i tifosi del Napoli parlando in napoletano.

"Cari Napoletani mi dispiace per tutto il casino che è successo. Ma io non volevo offendere nessuno. E' solo calcio...un caro saluto!". "Prenderò lezioni di dialetto napoletano, così la prossima volta non ci saranno incomprensioni", conclude Marchisio.