Champions League - Lucescu si scusa: "Adriano tradito dall'istinto"

L'allenatore dello Shakhtar chiede scusa per l'attaccante brasiliano, colpevole di aver segnato un gol al Nordsjaelland fregandosene del fair play: "Chiedo scusa per Luiz Adriano, ha sbagliato ma ha seguito il suo istinto da bomber". Nel frattempo, la Uefa apre un procedimento

"Mi piacerebbe chiedere scusa per il gol". Mircea Lucescu, allenatore dello Shakhtar Donetsk, fa mea culpa per conto di Luiz Adriano che ieri, sull'1-0 per il Nordsjaelland, è andato a segno mentre tutti gli avversari erano fermi in attesa della restituzione del pallone.

"Non ho visto l'inizio dell'azione, ho visto solo il ragazzo ricevere la palla e segnare - racconta Lucescu - Mi ha detto: 'ho visto la palla sui piedi e questo ha attivato il mio istinto di attaccante e ho segnato. Dopo quello che è successo volevamo lasciare segnare i nostri avversari ma Stepanenko lo ha impedito".

Il riferimento è al centrocampista che ha fermato l'azione danese dopo il pari del compagno. "Nessuno mi aveva avvisato di lasciarli proseguire e sono andato sul pallone - si giustifica il centrocampista ucraino - Probabilmente io e Adriano abbiamo sbagliato, avremmo dovuto agire in modo diverso ma non ci siamo capiti con gli altri".

A quel punto, però, c'era un solo modo per riparare a quanto successo. "Durante l'intervallo l'unica cosa che ho chiesto ai miei giocatori era di dimostrare che erano molto più forti e di vincere in modo convincente, che è poi quello che hanno fatto - ha aggiunto Lucescu - Durante una partita si commettono molti errori e Adriano ne ha commesso uno".

E LA UEFA APRE UN PROCEDIMENTO - Si mette male per Luiz Adriano: la Uefa ha annunciato di aver aperto un procedimento disciplinare nei suoi confronti. L'attaccante dello Shakthar Donetsk è accusato di aver violato i principi di condotta (Articolo 5, Regolamenti Disciplinari Uefa), e il suo caso verrà discusso dalla Commissione Disciplinare e di Controllo della Uefa il 27 novembre.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport