Coppa Davis - Fognini batte Dodig, Italia ai quarti

Impresa dell'azzurro, nonostante qualche difficoltà fisica: l'Italia batte la Croazia 3-2 e passa il turno. Nel match precedente era andato male Seppi: l'altoatesino aveva perso in tre set netti con il punteggio di 6-3 6-3 7-5 (foto AP/LaPresse)

Nel quarto match di Coppa Davis tra Italia e Croazia, al Palavela di Torino, la Croazia torna a pareggiare con l'Italia grazie alla netta sconfitta di Andreas Seppi con Marin Cilic.

L'azzurro perde in tre set netti col punteggio di 6-3 6-3 7-5 con un match che si mette male subito in partenza. Nel primo set, infatti, sul 2-2 l'altoatesino ha due palle break, non le sfrutta e il gioco successivo di fa strappare il servizio per il break decisivo che varrà il set.

Nella seconda partita le cose vanno anche peggio, perché sul 2-2 perde la battuta e poi la riperde di nuovo sul 5-3, quando avrebbe dovuto difendersi per restare nel set.

Quando finalmentre Seppi sembra svegliarsi, nel terzi set, riesce a strappare il servizio a Cilic per il 5-3, ma si fa fare immediatamente il controbreak. Nel game successivo ha ancora tre palle break per il 6-4, ma non le trasforma. Sul proprio turno di battuta, cede il break con un doppio fallo e perde il game decisivo a zero.

***

Per fortuna l'Italia può contare sul grande cuore di Fabio Fognini. Il tennista di Arma di Taggia vince in rimonta e dovendo superare qualche disagio fisico contro Ivan Dodig col punteggio di 4-6 6-4 6-4 6-4.

La gara si era messa male all'inizio, con un primo set nervoso fatto di break e controbreak, per arrivare alla chiusura del primo set in favore del croato dopo aver perso nuovamente il servizio nel decimo game.

Nel secondo set, però, Fognini riparte col piede giusto e sul 3-2 ecco il break fondamentale dell'azzurro, che riesce così a gettare le basi per la vittoria del set dopo aver salvato due pericolose palle break sull'1-2.

Nella terza partita la buona prova dell'azzurro si ripete e con il break conquistato al sesto gioco e conservato fino alla fine, il vantaggio sale a 2 set a 1. Alla fine del set, però, Fabio chiede il medical timeout: prima di giocare il doppio con Simone Bolelli, aveva ceduto il posto in singolare a Paolo Lorenzi a causa di una violenta influenza che lo aveva messo temporaneamente ko. L'indisposizione di Fabio non è del tutto passata, ma dopo l'intervento del medico va avanti a giocare e dopo aver fatto il break, si fa controbreakare. Ma sul 4-4, Dodig perde la concentrazione e da 40-0 si fa fare nuovamente il break, mandando Fognini a servire per il match. Sul 30-30, il ligure innesta il turbo col servizio e va a conquistare game, set, match e quarti di fianle.

Era dal 1998 che l'Italia non ritornava in serie A e in quell'anno finì in finale. Entusiasta la reazione del presidente federale Binaghi. "Dopo un grande capitano, abbiamo trovato una grande squadra, completa, con dei ragazzi che stanno bene insieme, con la federazione e con il tennis italiano - commenta -Oggi è stato il match della svolta e, come nel femminile, darà soddisfazione agli appassionati sia come squadra che individualmente. Credo che adesso andremo in Canada, ma con questa squadra possiamo anche sognare".

"E' una grande gioia e felicità per questi ragazzi, sono loro i protagonisti - commenta invece il capitano dell'Italtennis, Corrado Barazzutti Sono felice per la federazione, per il presidente, per tutti questi spettatori ed il movimento, Fabio ha giocato bene, sono contento che abbia fatto un grandissimo match: non era facile sul 2-2, ha portato un punto importantissimo e spero possa giocare così anche nei tornei perché ha la stoffa del grande campione. Un pronostico? Speriamo sia il Canada...".

E Canada sarà. Raonic infatti conquista il punto decisivo nel 3-2 sulla Spagna, priva di Nadal, Ferrer e Almagro. Appuntamento ai quarti dal 5 al 7 aprile.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport