Curiosport - Nole, il guascone che sa farsi perdonare

Fa aspettare i giornalisti per quasi un'ora, ma poi li "compra" con un gesto dolcissimo e di grande cuore: offre loro dei cioccolatini ringraziandoli per il sostegno durante tutta la stagione

alcuni conoscono Novak Djokovic percxhé è il numero 1 del tennis mondiale. Altri lo conoscono per la generosità e la gentilezza con cui si approccia alle persone. Altri ancora apprezzano la sua goliardia, le sue imitazioni e la sua capacità di stare sempre allo scherzo.

Novak Djokovic è una sintesi di tutte queste doti e anche a Londra dà modo alla gente di conoscerlo come un campione di modestia, prima che di tennis.

Dopo il match vinto con Juan Martin Del Potro, che gli garantisce la finale del Masters ATP di fine anno contro Roger Federer, il serbo si fa attendere in sala stampa per quasi un'ora. Al suo arrivo, tra risate e scherzi risponde a domande che presto virano dallla partita appena vinta ad altri argomenti che poco hanno a che fare con il torneo.

Quando il moderatore della conferenza stampa dà il via libera alle domande in serbo, però, Nole stupisce tutti i Interrompendolo. "No, prima delle domande in serbo, c’è una cosa che devo fare, qualsiasi cosa accada domani ho una sorpresa per voi", dice. Quindi si alza con due scatole di cioccolatini di Harrods (il grande magazzino londinese noto per la sua raffinatezza e per l'alto costo di ciò che si può acquistare al suo interno); quindi passa lui stesso a offrirli ai giornalisti presenti.

"Ho portato questi cioccolatini per ringraziarvi della vostra collaborazione - spiega - Eh già… Devo ringraziare anche voi giornalisti che mi siete stati vicini per tutta la stagione".

Pare che i cioccolatini fossero buonissimi e che siano andati a ruba. Di certo quindi non hanno avuto modo di sciogliersi, ma si sono di certo sciolti i cuori dei giornalisti presenti, che dopo un gesto così dolce - in tutti i sensi - non hanno potuto fare altro che perdonare al Djoker la lunga attesa.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport