Dominio Nadal, Ferrer cede le armi

Settima finale in otto anni per Rafael Nadal al Roland Garros, la terza - dopo il 2008 e il 2010 - senza perdere set. Oggi il Rafa più bello dell'anno contro il connazionale Ferrer, sconfitto con un severo 6-2 6-2 6-1. Domenica affronterà il vincente della seconda attesa semifinale Djokovic-Nadal

Rafael Nadal è il primo finalista del Roland Garros dopo aver sconfitto 6-2 6-2 6-1 il connazionale David Ferrer: Rafa è debordante e arriva all'epilogo dello Slam di Francia, già vinto sei volte, senza aver perso un set.

DISTANZA INCOLMABILE - Sulla terra rossa tra Nadal e Ferrer l'esito non può essere differente, perché è la superficie preferita da entrambi, ma il gap, a differenza del cemento (dove Ferrer ha vinto i due precedenti Slam a Flushing Meadows e Australyan Open), è davvero smisurato. Ferrer ha infatti vinto on clay court il primo scontro diretto, nel 2004 a Stoccarda contro un Nadal giovanissimo, ma già faticando 7-5 al terzo, mentre a Parigi, nel 2005, Nadal ha vinto 7-5 6-2 6-0.

PIU' AMARO DEL PRONOSTICO - Oggi il parziale è ancora più scoraggiante per Ferrer che capitola dopo aver spaziato tra scambi profondi, puliti e centrali - per evitare gli angoli imposti dai diagonali di Rafa - e dritti sull'angolo del rovescio, ma le esitazioni sul colpo per Rafa terminano dopo pochi giochi. Sul 2-1 Nadal concede i primi e ultimi due break-point della partita a Ferrer, ma David le spreca a rete e quando, nel gioco successivo, regala a Rafa tre palle break, l'esito sembra già scritto: da metà primo set un parziale punti di 19/3, due break a zero e 6-2 Nadal in 39'.

SE VIENE ANCHE A RETE... - La novità è piuttosto una perfetta padronanza di Nadal anche a rete con la volée e addirittura il serve&volley - perché i miglioramenti appurati del maiorchino in battuta, con l'85% di winning sulla prima di servizio, non fanno più notizia - e gli riesce perfino una smorzata da terra carica di effetto (dopo una scivolata) a coronamento del punto più bello del match. Gli altri due set non cambiano copione, anzi, a Ferrer non bastano nemmeno tutti gli azzardi per i migliori angoli, perché i passanti lungolinea in corsa e sistematicamente vincenti di Nadal sono una vera estetica del tennis. Ferrer subisce altri due break nel secondo set (6-2) e tre nel secondo (6-1) cedendo le armi in 1.46'. Nonostante abbia già vinto sei degli ultimi sette Open di Francia, con settima finale domenica in otto anni (51 vittorie su 52 incontri), il Rafael Nadal di questo Roland Garros sembra il migliore mai ammirato su terra rossa e praticamente imbattibile.

Vuoi seguire il Roland Garros in LIVE-STREAMING dal tuo pc, dal tuo iPhone o dal tuo iPad? Scopri Eurosport Player (www.eurosportplayer.it), la nostra WEB-TV che seguirà tutti i match in diretta da Parigi