Curiosport - Gascoigne ci ricasca, ancora ubriaco fradicio

L'ex-stella inglese dà il peggio di sé presentandosi in condizioni pessime a una serata di beneficienza: "Scusate - dice - sono tre giorni che bevo whisky"

"E' stato come vederlo morire davanti ai nostri occhi". Questo il racconto sconvolto di una delle persone che giovedì sera, durante una serata di beneficenza a Northampton, hanno visto Paul Gascoigne dare il peggio di sé. Il 45enne ex centrocampista della Lazio, racconta il "Sun", si sarebbe presentato ubriaco e tremante.

"E' stato terribile vederlo in quel modo", "C'era l'atmosfera di un funerale", "E' stato tragico", queste alcune delle testimonianze di coloro che hanno visto Gazza scolarsi diverse pinte di birra prima di presentarsi alla cena. Davanti a circa 500 ospiti che avevano pagato 100 sterline a testa per presenziare alla serata, l'ex giocatore ha cominciato a straparlare per una decina di minuti, tra parolacce e pianti improvvisi.

"Scusate, da tre giorni bevo whisky, mi dispiace", ha detto a un certo punto Gascoigne. "E' stato orribile vedere il mio eroe in quelle condizioni", ha raccontato un altro degli ospiti. A Gazza hanno chiesto anche cosa si prova a giocare per l'Inghilterra e l'ex calciatore, dopo una pausa quasi imbarazzante, ha cominciato a singhiozzare prima di uno lungo sfogo contro la nazionale di oggi, al punto che il moderatore, il suo agente Terry Baker, ha deciso di interrompere tutto e portarlo via con l'aiuto di due guardie del corpo.

“Gascoigne ha bisogno di aiuto - ha poi confessato il suo agente alla BBC Radio 5 Live -. Ho telefonato all'organizzazione e ho detto loro che sarebbe stato meglio rinunciare, ma lui ha insistito dicendo che aveva delle nuove barzellette da raccontare e che sarebbe stato in perfetta forma. Era piuttosto sconvolto ma ha insistito per andare. Poi, quando è andato sul palco, lo abbiamo messo seduto e ha iniziato a tremare. Negli ultimi due anni non lo avevo mai visto assumere alcolici".

* * *

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport