Coppa Italia col botto: Samp e Genoa già fuori!

I viola passano per 2-0 contro il Novara e si qualificano per gli ottavi di Coppa Italia: in rete Ljajic e Pasqual. Chievo ok con l'Ascoli (4-0), il Torino elimina il Lecce (4-2). Bene Palermo (3-1 alla Cremonese) e Bologna (2-1 al Varese). Brutte notizie per le due squadre di Genova: fuori entrambe

Serata ricca di partite valide per il terzo turno di Coppa Italia: ben 15 i match in programma...

Fiorentina - Novara 2-0 - La Fiorentina batte il Novara 2-0 e supera il terzo turno di Coppa Italia. Esordio positivo per la squadra di Vincenzo Montella che fa il suo ingresso nella competizione al "Franchi". Tanti gli applausi dei tifosi presenti all'appuntamento nonostante i 38° con cui inizia la gara. A deciderla sono le reti di Ljajic al 43' e Pasqual al 54': il serbo va a segno sfruttando un bel cross di Cassani dalla destra, il terzino mette dentro direttamente da calcio di punizione. Buona prova anche da parte di Stevan Jovetic: con indosso la fascia di capitano, ha cercato con insistenza la rete personale, senza riuscirci.

Chievo-Ascoli 4-0 - Mister Di Carlo avrà pur perso Paloschi per un paio di mesi, ma può contare su punte molto prolifiche, almeno a giudicare dal match vinto agevolmente contro l'Ascoli all'Euganeo di Padova. Il Chievo dopo 5 minuti passa in vantaggio grazie alla rete di Thereau; al 10' c'è il raddoppio gialloblù con Pellissier e alla mezz'ora Thereau si replica e chiude virtualmente la gara. E' il nuovo arrivato Di Michele a mettere la ciliegina sulla torta con il punto del 4-0 al 52'.

Torino - Lecce 4-2 - Il Torino di Ventura parte con il piede giusto: i granata non hanno troppi problemi nel regolare il Lecce nel primo impegno ufficiale della stagione. Sgrigna sblocca subito il match dell'Olimpico e costringe Ferrario all'autogol del 2-0; i pugliesi provano a rinvenire con Jeda, ma una doppietta di capitan Bianchi chiude i conti nella ripresa. Segna anche Corvia su rigore, ma a passare il turno sono i padroni di casa.

Cesena - Crotone 3-2 - Il Cesena sorride nel segno di Succi, autore del suo primo gol in maglia bianconera, ma non solo: sotto 2-1 con il Crotone (autogol di Iori e rete di Ciano), la squadra di Campedelli dimostra carattere e alla fine strappa una vittoria meritata. Graffiedi firma il pari al 50' e il neo-entrato D'Alessandro regalan il gol-qualificazione su azione di contropiede all'84'.

Cittadella - Ternana 1-0 - Partita equilibrata quella tra la squadra di Claudio Foscarini e quella di Domenico Toscano, di fronte a 758 spettatori: la decide una rete di Di Roberto al 92'.

Palermo-Cremonese 3-1 - Il Palermo di Giuseppe Sannino supera a pieni voti il primo impatto con il proprio pubblico e con la prima gara ufficiale: una doppietta di capitan Miccoli (il primo su rigore, il secondo di testa) e un gol di Ilicic (assist di Garcia) eliminano la Cremonese di Oscar Brevi (in gol con Le Noci).

Bologna - Varese 2-1 - Rossoblù avanti nel segno di Taider: il centrocampista di Stefano Pioli è protagonista del match vinto dal Bologna con una doppietta. I gol, al 46' e al 70', rendono vano il punto di Momenté verso il finale di match per il Varese.

Livorno - Perugia 4-1 - Gol ed espulsioni la fanno da padrone nel match del Picchi, vinto poi dall'undici di Davide Nicola sul Perugia di Pierfrancesco Battistini: le doppiette di Siligardi e Dionisi vanificano lo 0-1 su rigore di Clemente. Squadre che chiudono in 10 vs 9 per le espulsioni di Lambrughi, Lebran e Clemente.

Cagliari - Spezia 2-1 - Un'incornata di Larrivey a tempo praticamente scaduto permette al Cagliari di Ficcadenti di strappare il pass per gli ottavi di Coppa ai danni dello Spezia di Michele Serena: l'attaccante argentino segna il 2-1 definitivo sfruttando un cross dalla destra, dopo che Pinilla prima e Di Gennaro su rigore poi avevano messo in pari il match.

Atalanta - Padova 2-0 - Due gol nel primo tempo consegnano all'Atalanta il passaggio del turno ai danni del Padova: gran rovesciata dell'e biancoscudato Bonaventura al 23' e raddoppio con una bomba di Brivio di sinistro al 29'. Gioco, partita e incontro per i nerazzurri di Colantuono.

Catania-Sassuolo 1-0 - Bella partita quella tra il Catania di Maran e il Sassuolo di Di Francesco che tiene bene il campo di fronte agli etnei, che hanno bisogno di un'invenzione di Alejandro Gomez al 73' per prendersi il match. Sassuolo vicino al gol in tre occasioni, ma sarà il Catania ad affrontare il Cittadella agli ottavi.

Pescara - Carpi 1-0 - Vince senza strafare il Pescara di Stroppa di fronte al Carpi di Tacchini: al 38' il gol-partita, che porta la firma di Elvis Abbruscato. Gli ospiti provano a reagire ma il cartellino rosso a De Bode per fallo da ultimo uomo che arriva al 52' complica i piani del Carpi, che è costretto ad alzare bandiera bianca.

Modena - Reggina 1-5 dts - Il Modena di Marcolin tiene per 90' ma poi crolla nei supplementari contro la Reggina: 1-1 nei regolamentari, per effetto dei gol di Ardemagni e Comi. Amaranto che passano grazie ai centri di Barillà, Ceravolo e Viola (doppietta).

Juve Stabia - Sampdoria 5-4 dcr (1-1) - Il colpo del giorno arriva dallo stadio “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia: la Juve infatti riesce a piegare la Sampdoria di Ciro Ferrara al termine della lotteria dei calci di rigore. Il match, che nei 90' aveva visto i gol di Maxi Lopez Danilevicius, si decide ai penalty, dove ad avere la meglio è la squadra di casa per 5-4.

Genoa-Verona 2-5 dcr (1-1) - Al "Marassi" arrivano brutte notizie per il Genoa di De Canio, che deve cedere l'onore delle armi di fronte a un Verona mai domo: i veneti prima impongono l'1-1 nei tempi regolamentari (a Jankovic risponde Bjelanovic). Si va prima all'extra-time e poi ai rigori. Di Jankovic e Immobile i rigori sbagliati che impediscono al Grifone di andare avanti.