Formula 1 - Alonso: "In gara tutto può accadere, ho delle possibilità"

L'asturiano crede ancora di poter conquistare il titolo, mentre Sebastian Vettel è tranquillo e se lo sente già in tasca. Tra i due litiganti, il terzo gongola: Lewis Hamilton è entusiasta di aver vinto e del calore della gente arrivata al circuito di Austin (foto AP/LaPresse)

Il GP degli Stati Uniti vede vincere Lewis Hamilton e quindi rimandati tutti i calcoli per l'assegnazione del titolo piloti, con Vettel che guida con 13 punti su Alonso. Quello costruttori invece è già matematicamente della Red Bull. Ecco le dichiarazioni a caldo dei protagonisti.

Lewis Hamilton (primo): "Sono veramente felice. In tutto il week-end i tifosi statunitensi sono stati molto affettuosi e molto calorosi. Questo in Texas è veramente un bel circuito. Oggi è una giornata veramente speciale. Da tanto tempo non vincevo una gara: sono molto contento per la mia corsa, per l'apporto del pubblico e per il grande lavoro del mio team. E' stato uno splendido weekend, con due ottime battaglie con tutte e due le Red Bull e sono arrivato primo. Il sorpasso a Vettel? E' stato un grande feeling su come usare il kers. Ho conservato tutto il kers per quel giro e quando l'ho passato ho detto a me stesso, 'stai calmo, stai calmo' perché era facile emozionarsi".

Sebastian Vettel (secondo): "Adesso manca l'ultimo passaggio. E' bello avere così tanto sostegno, abbiamo vinto il titolo costruttori oggi, è un anno fantastico, ora manca l'ultimo passaggio in Brasile. Sono messo sempre meglio, Hamilton ha avuto una possibilità e l'ha sfruttata, ho cercato di superarlo ma andava come me e non l'ho potuto sorpassare".

Fernando Alonso (terzo): "I numeri dicono che le possibilità sono poche, un 25% forse, ma dentro di me è molto di più. Partenza molto buona, alla prima curva, al primo giro ho salvato molti punti, mentre il sabato soffriamo con il ritmo, nei primi giri siamo con il gruppo davanti. il passo in gara è buono anche se oggi i primi due non erano sicuramente alla nostra portata, ma per il podio la macchina c'è. Poi Webber si è fermato ed il sabato perdono acqua, hanno problemi con il cambio, il kers, oggi con l'alternatore, speriamo di avere più fortuna in Brasile. La prossima gara è tra 5 giorni e non possiamo aspettarci miracoli. In qualifica saremo tra la quinta, sesta o settima posizione e la Red Bull sarà davanti, ma in gara tutto può succedere. Non sempre loro due arrivano al traguardo. Dobbiamo fare un ultimo sforzo e poi se piove c'è una variante molto pericolosa e abbiamo meno da perdere noi".

Stefano Domenicali (team principal Ferrari): "Vedendo come era finita ieri avevamo un obiettivo e lo abbiamo centrato. Siamo contenti di come è andata oggi. I nostri piloti hanno fatto una buona gara ed hanno gestito bene le gomme. Adesso dobbiamo recuperare energie, stare calmi, lavorare ed aspettare. In Brasile vedremo come finirà".