Formula 1 - Domenicali e il cambio di Massa: "Niente balle, è una tattica"

Il team principal della Ferrari ammette che la manovra sulla monoposto di Massa era solo per far spostare Alonso in partenza sul lato migliore della pista: i piloti, interpellati, erano d'accordo. Lo conferma lo stesso Massa: "E' stata una decisione presa per partire entrambi dal lato pulito"

"E' nel nostro stile, il nostro approccio corretto di dire la verità e non raccontare balle". Così Stefano Domenicali ai microfoni di Rai1 riferendosi alla decisione di aprire il cambio della Ferrari di Felipe Massa per far si che paghi la penalità di cinque posizioni, consentendo a Fernando Alonso di partire settimo e quindi dalla parte pulita della pista di Austin.

"Sappiamo tutti che la parte destra è più performante di quella di sinistra e per rimanere ancorati al primo gruppo abbiamo, in maniera strategica fatto questa scelta, in maniera chiara, come è nel nostro stile - afferma il team principal del team del Cavallino -, parlando con i due piloti; Felipe ha capito e lo ringraziamo, ma chi è in Ferrari lo sa cosa conta per noi e andiamo avanti in questo modo" aggiunge Domenicali.

"Dai dati questa dovrebbe essere la scelta giusta, poi lo vedremo tra trequarti d'ora con il via della gara". La Red Bull? Non mi interessa più di tanto cosa faranno - dice -, loro sono forti, vanno bene, partono davanti e se Vettel vince noi dobbiamo arrivare almeno al quarto posto per mantenere aperto il mondiale, poi noi siamo anche il lotta per il secondo posto nella classifica costruttori".

Felipe Massa conferma di essere stato d'accordo sulla direttiva di scuderia. "E' stata una decisione della squadra per mettere due macchine sul lato pulito della pista, per provare a fare il massimo per aiutare Fernando - spiega il brasiliano - E' meglio partire sul lato pulito, meno perdere posizioni. Proviamo a fare il massimo".