Gran Premio di Valencia - Venerdì di pioggia tra Hayden e De Puniet

Nicky Hayden è il più veloce nelle prime libere di Valencia sotto la pioggia battente, poi è il turno di Randy de Puniet, nel pomeriggio, a mettere tutti in fila con i big che restano però ai box

PRIMA SESSIONE - MATTINA

Ultimo appuntamento del Mondiale a Valencia, e la pioggia accoglie la prima sessione di prove libere sul circuito spagnolo. Alla fine la spunta Nicky Hayden, che timbra il miglior tempo della mattinata con un 1’44”485 all’ultima tornata, beffando così Dani Pedrosa, il migliore fino a quel momento, di un secondo pieno. Lo spagnolo della Honda, bi-campione a Valencia, è bloccato ai box mentre Hayden perfeziona il suo giro veloce, e non ha la possibilità per provare a rispondergli.

Jorge Lorenzo, già incoronato vincitore del Mondiale nell'ultimo weekend di ottobre in Australia, si accontenta della terza posizione girando quasi un secondo e mezzo più lento di Hayden, quando basta, comunque, per mettersi alle spalle sia Andrea Dovizioso sia Alvaro Bautista. Per Valentino Rossi, alla sua ultima gara con la Ducati, settimo tempo con quasi 2”2 di ritardo rispetto al compagno di squadra. Ultimo GP della carriera, invece, per Casey Stoner: decimo e staccatissimo a più di 3 secondi.

1. Nicky Hayden (Ducati) – 1’44”485

2. Dani Pedrosa (Honda) – 1, 45”490

3. Jorge Lorenzo (Yamaha) – 1’45”945

4. Andrea Dovizioso (Yamaha) – 1’46”021

5. Alvaro Bautista (Gresini Honda) – 1’46”413

6. Aleix Espargaro (ART) – 1’46”574

7. Valentino Rossi (Ducati) – 1’46”678

* * *

SECONDA SESSIONE - POMERIGGIO

Pomeriggio ancora segnato da tempo incerto e seconda sessione di prove libere di poca rilevanza, con quasi tutti i big ad optare per una “strategia conservativa” e restare a riposo nei box. Il miglior tempo va così a Randy de Puniet: il francese dell’Aspar Aprilia gira in 1’36”965 e vince la battaglia con Michele Pirro, secondo a poco più di un decimo.

Nicky Hayden, il migliore nella prima sessione, esce a soli 5 minuti dalla fine e si accontenta del terzo tempo a poco più di quattro decimi: seguono poi Karel Abraham e Valentino Rossi, quinto con 1’38”115, con un secondo abbondante di ritardo, ma il più veloce di tutti quando la pista era nelle condizioni peggiori.

1. Randy de Puniet (Aspar Aprilia) - 1’36”965

2. Michele Pirro (Gresini-Honda) - 1’37”084

3. Nicky Hayden (Ducati) - 1’37”389

4. Karel Abraham (Cardion Ducati) – 1’37”782

5. Valentino Rossi (Ducati) – 1’38”115

"Stamattina era una sessione vera - racconta Rossi -, dove abbiamo potuto capire quale era il nostro grip sotto l'acqua, ma non riuscivamo ad andare bene, non ero veloce, poi nel pomeriggio dopo aver fatto alcune modifiche al setting ho fatto 3-4 giri e la moto andava meglio, alla fine ho fatto anche 3-4 giri con le slick, ma con la pista mezza asciutta e mezza bagnata era difficile e non ho spinto tanto".

Domenica Valentino chiuderà la sua esperienza biennale in Ducati e da martedì proverà la Yamaha Factory Racing con cui correrà nel 2013. "L'attesa è molto forte, perché questi test sono molto importanti per riuscire a capire quale potrà essere il mio potenziale per il prossimo anno. Spero che tra martedì e mercoledì ci sia almeno un giorno, un giorno e mezzo in cui si potrà girare sull'asciutto per capire meglio".

* * *

MOTO2 - Anche se le temperature restano basse, la pista del Ricardo Tormo si è andata asciugando e per i piloti della Moto2, la seconda sessione di prove libere è tutta con gomme slick. E' un duello tutto spagnolo quello per il miglior tempo. Pol Espargaro sembra averla vinta, ma proprio all'ultimo giro Marc Marquez piazza il colpaccio e "brucia" per 37 millesimi il connazionale. Il campione del mondo è stato anche protagonista in un'azione su Simone Corsi poi caduto, poco chiara. Il terzo tempo è per il britannico Scott Redding (Marc VDS Racing) a 258 millesimi, mentre Andrea Iannone (Speed Master) è quarto a quasi quattro decimi. Il francese Johann Zarco, alla seconda caduta del fine settimana con la JiR Moto2, trova la quinta posizione. Tomas Luthi (Interwetten Paddock), Nicolas Terol (Mapfre Aspar Team), Julian Simon (Blusens Avintia), Dominique Aegerter (Technomag-CIP) e Mika Kallio (Marc VDS Racing Team) completano la top10. Tra gli italiani Corsi è solo 26º, anche se gran parte di questo risultato va addossato alla caduta, mentre Mattia Pasini, pilota sostituto di De Angelis nel team NGM Mobile Forward Racing, è addirittura ventinovesimo.

***

MOTO3 - Questi invece i migliori tempi al termine delle due sessioni di prove libere per la categoria Moto3.

1. John McPhee (Krp Honda) 1'50"503

2. Jack Miller (Honda) 1'50"530

3. Alex Marquez (Suter Honda) 1'51"187

4. Brad Binder (Kalex Ktm) 1'51"193

5. Jonas Folger (Kalex Ktm) 1'51"338

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport