Ryder Cup - I 24 protagonisti della Ryder Cup

Le schede dei giocatori del Team Europe e del Team USA: andiamo a conoscere meglio gli artisti del green

TEAM EUROPE

Rory McIlroy (record di Ryder Cup: 1 vittoria-1 sconfitta-2 pari)

Arriva a Medinah da numero 1 del golf mondiale. Il 23enne nordirlandese sarà il principale pericolo per la squadra americana, Ha giocato solo una Ryder Cup, ma non c'è dubbio che sarà il leader della squadra europea a Chiacago. Quest’anno ha vinto il suo secondo Major: il PGA Championship e ottenuto un back to back con due vittorie nei playoff della FedExCup al Deutsche Bank e al Bmw Championship. Nessuno nella squadra europea oggi sta giocando meglio di McIlroy.

Lee Westwood (record di Ryder Cup: 16-11-6) 

Se la Ryder Cup fosse un Major, Lee Westwood avrebbe vinto quel torneo che invece manca dalla sua bacheca. In sette apparizioni è sempre stato uno dei migliori per il team europeo, vincendo 16 partite, più di ogni altro giocatore della squadra del 2012. Nonostante le difficoltà con il suo gioco verso la fine dell'anno, Westwood è migliorato nel corso delle ultime settimane e sembra arrivato al Medinah per giocare un’altra grande Ryder Cup.

Luke Donald (record di Ryder Cup: 8-2-1)

Ex numero uno del mondo è la versione europea di Steve Stricker, può essere abbinato praticamente con chiunque nella squadra e tutti da lui si aspettano punti. Giocatore non particolarmente lungo dal tee, ha nella precisione e nel gioco corto le sue caratteristiche. Sarà probabilmente l'unico europeo a ricevere un ovazione dal pubblico a stelle e strisce. Donald è infatti cresciuto a Chicago, ha frequentato l’università alla Northwestern e ha sposato una ragazza dell’Illinois dove vive.

Justin Rose (record di Ryder Cup: 3-1-0)

Sua seconda apparizione alla Ryder Cup arrivata dopo un ottimo secondo posto al Tour Championship della scorsa settimana. Ha ottenuto la quarta vittoria sul PGA Tour all'inizio di quest'anno al WGC-Cadillac Championship ed è stato solido per la maggior parte della stagione. Come quasi tutti i membri del team europeo di Ryder Cup, ha un record vincente in questa manifestazione dove ha giocato in coppia con Poulter.

Graeme McDowell (record di Ryder Cup: 4-2-2)

Sarà per sempre ricordato per il putt vincente alla 17 del Celtic Manor che assicurò la vittoria europea nella Ryder Cup 2010. Anche se la sua ultima vittoria ufficiale risale a due anni fa,si può puntare su McDowell per una grande Ryder. Giocatore che si esalta sotto pressione sarà ancora, molto probabilmente, uno degli ultimi a giocare il single domenica.

Sergio Garcia (record di Ryder Cup: 14-6-4)

Ritorno in grande stile per “El Nino” del golf mondiale che sarà certamente uno dei più fischiati dalla folla americana. Nel corso degli anni Garcia ha dimostrato di essere il perfetto “cattivo” nella squadra di Ryder Cup con le plateali celebrazioni e il suo temperamento latino. Dopo aver saltato la Ryder Cup 2010, Garcia ha conquistato due vittorie la scorsa stagione e la sua ottava vittoria PGA Tour al Wyndham Championship un mese fa per assicurarsi un posto in squadra. Sia che lo si ami o lo si odi certamente Sergio aggiunge qualcosa di speciale alle partite.

Ian Poulter (record di Ryder Cup: 8-3-0)

Una delle wild card di Jose Maria Olazabal quasi scontata vista l’abilità dell’eccentrico nel match play come testimoniato dal suo record in Ryder Cup. Ha vinto quattro punti su cinque nel 2008. La sua personalità di fuoco e il suo carattere sono perfetti per una gara come la Ryder Cup.

Paul Lawrie (record di Ryder Cup: 3-1-1)

Il campione del 1999 al British Open è letteralmente rinato nel corso degli ultimi due anni, dove ha vinto l’Andalucia Open nel 2011 per chiudere un astinenza di successi durata nove anni. Ha proseguito con la vittoria al Qatar Masters e al Johnnie Walker Championship, nel 2012, per garantirsi un posto nella squadra di Ryder.

Peter Hanson (record di Ryder Cup: 1-2-0)

Uno dei soli quattro membri della squadra con un record perdente, Hanson ha centrato una vittoria sul Tour europeo all'inizio di questo mese e aveva avuto una buona chance dopo tre giri al Master prima di cedere nel corso della ultime 18 buche. Ha finito settimo l’ultimo major il PGA Championship.

Martin Kaymer (record di Ryder Cup: 2-1-1)

Non arriva da una grande annata. L'ex vincitore del PGA Championship è stato protagonista di una stagione opaca, mancando il taglio nelle due ultime partenze importanti ed entrato con l’ultima posizione automatica nella squadra di Ryder. Sulla base della sua forma attuale, potrebbe essere considerato il punto debole della squadra ma in realtà la sua classe lo renderà un jolly nel mazzo di Olazabal che però potrebbe anche decidere di tenerlo in panchina fino al singoli.

Francesco Molinari (record di Ryder Cup: 0-2-1)

Quest’anno ha vinto l'Open de Espana ed è arrivato secondo in Francia e in Scozia. Occupa la terza posizione nella Race to Dubai. Dopo l’esperienza di due anni fa, insieme al fratello Edoardo, è pronto per centrare la sua prima vittoria nella Ryder. Fa della regolarità la sua arma vincente e dovrà puttare al meglio per poter capitalizzare il suo solido gioco dal tee al green.

Nicolas Colsaerts (Ryder Cup rookie)

E’ il solo rookie della squadra europea, il belga ha centrato la sua seconda vittoria sul tour europeo all'inizio di quest'anno imponendosi al Volvo World Match Play a cui sono seguiti dieci top10 nel 2012. Nei Major ha chiuso T27 agli US Open e ottimo T7 al British Open. Fa della lunghezza la sua principale caratteristica e non dovrebbe essere spaventato dalla lunghezza del percorso di Medinah.

TEAM USA

Tiger Woods (record di Ryder Cup: 13 vittorie-14 sconfitte-2 pareggi)

Spesso criticato per non arrivare in forma alla Ryder Cup è riuscito a vincere il trofeo una sola volta nei sei tentativi. Il suo recente record di sei vittorie in nove partite mostra un atteggiamento mutato per l’ex numero uno del mondo che arriva alla Ryder dopo aver vinto tre tornei in stagione sul PGA Tour ed essere stato in corsa per la conquista della FedEx Cup 

Bubba Watson (record di Ryder Cup: 1-3-0)

Seconda Ryder Cup per il mancino statunitense, a Medinah dove la sua grande potenza dovrebbe rivelarsi utile. Quest’anno ha vinto un memorabile Masters sconfiggendo Louis Oosthuizen allo spareggio.

Jason Dufner (Ryder Cup rookie)

Criticato per aver gettato al vento la possibile vittoria lo scorso anno all’US PGA Championship, si è rifatto pienamente quest’anno quando ha vinto due volte entrando stabilmente fra i migliori giocatori del PGA. Giocatore preciso e ottimo sui green.

Keegan Bradley (Ryder Cup rookie)

È diventato il primo giocatore a vincere un Major utilizzando un putter lungo, l'anno scorso al US PGA. Ha vinto ancora al WGC Bridgestone il mese scorso ed è giustamente considerato come una delle nuove stelle del golf mondiale.

Webb Simpson (Ryder Cup rookie)

L'attuale campione US Open ha ottenuto un secondo posto a ridosso di Luke Donald nella money list del PGA Tour del 2011.

Zach Johnson (record di Ryder Cup 3-3-1)

Un po’ scomparso 'dopo aver vinto il Master cinque anni fa, ma quest’anno in ripresa grazie a due vittorie sul PGA e due secondi posti in questa stagione.

Matt Kuchar (record di Ryder Cup 1-1-2)

Se c'è una critica da effettuare al prodotto di Georgia Tech è che non riesce a convertire le opportunità durante i tornei in un gran numero di vittorie. Quest'anno, però, Kuchar ha vinto il Players Championship ed è finito a un solo un colpo di distanza dal possibile playoff al Masters.

Phil Mickelson (record di Ryder Cup 11-17-6) 

Veterano alla sua nona Ryder Cup è certamente il giocatore più esperto del team americano. Ha lottato con l'artrite, ma conserva un tocco magico nel gioco corto e quest'anno a vinto Pebble Beach.

Steve Stricker (record di Ryder Cup 3-3-1)

Caro amico di Davis Love III, ha sorprendentemente giocato solo due Ryder Cup fino ad oggi nonostante una lunga carriera nella quale ha anche occupato il secondo posto nel World Ranking. Un putter superbo ha un grande feeling con Tiger Woods dimostrato sia alla Ryder Cup 2010 sia alla President Cup. La sua wild card è stata fortemente sponsorizzata da Tiger.

Jim Furyk (record di Ryder Cup 7-15-4)

Giocatore chiave per la Ryder Cup grazie alla sua esperienza, ha giocato sette volte la sfida, anche se non sempre con grandi soddisfazioni. Ha uno swing molto particolare e non vince dal 2010 e ha perso una grande occasione allo US Open, dove ha subito un finale catastrofico e anche nel Tour Championship della scorsa settimana. 

Dustin Johnson (record di Ryder Cup 1-3-0)

Uno dei giocatori più rilassati del golf è improbabile si faccia turbare da una Ryder Cup. Avrebbe sicuramente meritato un posto automatico nella squadra, ma un infortunio gli ha fatto perdere tre mesi di attività in questa stagione. Famoso per la distanza dei suoi colpi.

Brandt Snedeker (Ryder Cup rookie)

Vincitore, la scorsa settimana della FedEx Cup e del Tour Championship arriva alla Ryder Cup come il più in forma del team USA. E’ un eccellente puttatore e giocatore di grande tocco. Runner-up al Barclays potrebbe rappresentare il jolly della squadra per Davis Love III.