La prima volta in 45 anni per i Kings

I Los Angeles Kings chiudono in bellezza un playoff perfetto con 6-1 eloquente contro i New Jersey Devils e portano a casa, per la prima volta in 45 anni, la Stanley Cup

Il sogno si avvera per i Los Angeles Kings che mettono in bacheca la loro prima e unica Stanley Cup dopo un playoff giocato in maniera sontuosa. Sconfitti i New Jersey Devils per 4-2 nella serie finale con un brivido, visto che i campioni di Eastern Conference, dopo aver subito un pesante 3-0 nelle prime tre uscite, avevano rimontato fino al 2-3 prima di capitolare nell'ultima sfida dello Staple Center davanti a 20 mila appassionati. Un 6-1 che non lascia recriminazioni e consente quindi ai ragazzi di coach Daryl Sutter laurearsi campioni.

Il match non è mai stato in discussione, al termine del primo periodo il risultato era già di 3-0 e l'unica rete siglata dagli ospiti è stata quella di Adam Henrique alla fine del secondo. Jeff  Carter e Trevor Lewis sono stati i grandi protagonisti dell'incontro con una doppietta a testa mentre Jonathan Quick ha messo le sbarre alla propria porta con 17 salvataggi, due in meno del suo collega e rivale Martin Brodeur. Importante contributo del capitano Dustin Brown con un gol e due assist.

E' la prima volta in 45 anni, ovvero dal 1967, anno della prima partecipazione della squadra alla National Hockey League, che i Kings alzano al cielo l'ambito trofeo. Un record per la franchigia californiana visto che nessuno prima di loro aveva vinto la Stanley Cup dopo essersi classificata all'ottavo posto nella propria Conference.