Liga - Pérez risponde e Mou se la prende col Bernabéu

Real Madrid ad altissima tensione. Il presidente zittisce lo Special One, lui se la prende con i tifosi

Il Real Madrid è ormai un campo di battaglia. Tra litigi, insulti, talpe e risultati negativi, continua il teatrino madridista, con protagonista un José Mourinho ormai impegnato, in tutto e per tutto, con la personale strategia d’uscita. È ormai certa infatti la partenza del portoghese a fine stagione. Anche in caso di vittoria in Champions League.

È il terzo anno di Mourinho. Il litigio è servito. Il tecnico è in rotta con tutti e all’elenco non poteva mancare certo il pubblico del Bernabéu. Dopo l’ennesima delusione contro l’Espanyol (2-2 casalingo), l’allenatore ha alzato il tiro. A entrare nel suo mirino anche Liga e soprattutto tifosi. Con due “semplici” affermazioni, Mourinho ha fatto ciò che un allenatore del Real Madrid non deve fare. Parlare di resa e toccare i tifosi.

La risposta di Florentino Pérez non si è fatta certo attendere. Il presidente dei merengues ha praticamente zittito il suo allenatore: “Il Real ha come principio il non arrendersi mai, neanche dinanzi alle situazioni più disperate”. Una frecciatina niente male, da parte di un presidente, Pérez, che comincia giustamente a perdere la pazienza.

A peggiorare la situazione, altre parole pesanti di Mourinho, che dopo aver insultato un giornalista di Marca, ha pensato bene di dire la sua sul pubblico del Santiago Bernabéu. Lo stesso pubblico che in una semifinale di Champions League, dopo una bruciante sconfitta per 3-1 contro la Juventus, dedicò ad Alessandro Del Piero una storica standing ovation. Secondo lo Special One: “Il pubblico del Bernabéu non ha cultura sportiva. Neanche l’Uniao Leiria aveva dei tifosi così”. Parole pesantissime che arrivano nel giorno del consueto pranzo natalizio con tutti i giocatori, vertici societari e addetti ai lavori.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport