Minetti raddoppia: dopo l'atletica ecco il ciclismo

Annalisa vuole cimentarsi in un altro sport dopo il bronzo nei 1500m alle Paralimpiadi

Dopo il bronzo a Londra nei 1.500 metri insieme ad Andrea Giocondi (la sua guida), Annalisa Minetti vuole togliersi altre soddisfazioni: in primo luogo i Mondiali di atletica per disabili in programma in Francia a luglio 2013, nei quali tornerà a gareggiare sulla distanza preferita, gli 800 metri. Poi, in proiezione Paralimpiadi di Rio de Janeiro 2016, la possibilità di primeggiare in due differenti discipline: l'atletica e il ciclismo su pista, la sua più recente passione.

"Mi sono confrontata con i tecnici azzurri - racconta la Minetti a SportivamenteMag.it - e mi garantiscono che non ci sono controindicazioni. Il lavoro sui due fronti può procedere, i 55 orari li tengo benissimo, anche se mi rendo conto che lo sforzo va diversamente distribuito, con l'aiuto della bici. Il problema può essere la partenza da fermo, mi dicono che è come fare un 800 metri in atletica al contrario, in termini di sforzo. Parti piano e poi acceleri, trovi la linea di volo, chiudi al massimo".

Al momento le hanno suggerito di prepararsi sui rulli, poi andrà su strada. Dopodiché affronterà il training in pista, a Montichiari, nei pressi di Brescia: "Si può fare, abbiamo quattro anni davanti, Rio non è così vicina".