Motomondiale - Rossi: "Se non vinco almeno una gara è un guaio"

A margine della presentazione del nuovo logo Yamaha Rossi ha dichiarato i suoi obiettivi per il 2013: "Se non dovessi vincere ma fossi tutte le domeniche sul podio potrebbe andare bene ma l'ossessione è tornare sul primo gradino del podio. Non vinco un Gp dal 2010 per me rappresenta una sorta di spartiacque"

Dopo il biennio più difficile della sua carriera a Valentino Rossi è bastato ritornare a sentire l’atmosfera Yamaha per recuperare il sorriso e l’ottimismo in vista della prossima stagione. Il sorriso e la faccia che ha mostrato in Indonesia, dove è stato presentato ieri il nuovo logo della casa di Iwata, sono quelle delle migliori occasioni ed anche i messaggi che ha rilasciato ai giornalisti sono quelli di un pilota che vuole tornare ad essere protagonisti.

VITTORIA FORTISSIMAMENTE VITTORIA - “Ho delle buone sensazioni perché ho provato la M1 sul bagnato e sono andato bene – ha dichiarato il Dottore alla Gazzetta dello Sport - Anche con la Ducati avevo un buon feeling, ma mi sento meglio con la Yamaha, anche se ho girato solo sotto l'acqua. La moto è simile a quella del 2010 ma è più veloce sia come velocità di punta che come accelerazione perché è 1000 cc. Credo che Yamaha debba lavorare molto per migliorare in uscita di curva. Il mio obiettivo per la stagione? L’obiettivo è vincere quel GP che mi manca dal 2010. Se non dovessi vincere ma fossi tutte le domeniche sul podio potrebbe andare bene. Ma la vittoria è lo spartiacque. Dove mi aspetto di essere a fine stagione? E’ difficile da dire, mi piacerebbe fare tanti podi… Almeno 10 e finire nei primi tre nel mondiale”.

NON MI SPOSO – Nel corso dell’intervista Valentino ha anche parlato di vita privata e della possibilità di costruire la famiglia: “Non sono pronto e spero di no sposarmi proprio. Lo farò solo se non potrò dire no. Diventare papà? In questo mesi sono diventato zio 3-4 volte. Oltre Uccio c’è anche il mio fisioterapista Carlo e qualcun altro. Ho mandato avanti Uccio, sto molto con loro, vedo come cambio la vita. Quando mi ritirerò? Ora non ci ho mai pensato. Correrò finché mi divertirò, quindi fin quando sarò competitivo. Per chi voterò alle prossime elezioni? Vedo un panorama negativo e forse non voterò nemmeno, nessuno mi dà fiducia. Non siamo messi bene: inutile votare o l’altro, dovrebbe cambiare il sistema”.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport