NBA - Notte amara per Gallinari e Belinelli; Miami ok

Il Gallo 'canta' 15 volte, ma Denver viene surclassato da San Antonio, mentre Belinelli mette a referto tre punti nella sconfitta dei Bulls contro i Clippers. Miami piega i Suns con un ottimo Bosh, mentre Boston riabbraccia Rondo e supera l'ostacolo Toronto a cui non bastano 15 punti di Bargnani

SAN ANTONIO-DENVER 126-100

Non basta un più che positivo Danilo Gallinari per trascinare Denver sul parquet di San Antonio. Il Gallo si carica i Nuggets sulle spalle, piazza 15 punti conditi da 7 rimbalzi e 1 assist, ma si deve piegare di fronte alla maggiore concretezza degli Spurs. San Antonio nettamente più organizzato in tutti i reparti, e abile nello sfruttare le giocate dei vari Blair (19 punti), Green (15) e dei soliti Toni Parker e Tim Duncan (entrambi a quota 14 punti). Un ko pesante ( o “tosta”, come l’ha definita lo stesso Gallinari sul suo profilo Twitter), il terzo di fila per Denver che ora si trova tristemente ultimo nella Divisione Nord-ovest della Western Conference. Un mezzo disastro fin qui.

CLIPPERS-CHICAGO 101-80

Non sorride nemmeno Marco Belinelli, sconfitto coi suoi Bulls sul parquet dei Clippers che piazzano la quinta vittoria consecutiva e consolidano il primo posto in Pacific Division della Western Division. Padroni di casa che sfruttano la grande serata di un frizzantissimo Blake Griffin che chiude la serata col bottino di 26 punti, 10 rimbalzi e 2 assist a cui si aggiungono le importantissime prove direttamente dalla panchina di Jamal Crawford (22 punti) e Matt Barnes. Dall’altra parte, Chicago conferma la sua incredibile striscia altalenante di risultati: sconfitta, vittoria, sconfitta, vittoria. Belinelli gioca 17 minuti e mettendo a referto 3 punti, 1 assist e 1 punto: pochino. Boozer ne piazza 22 di punti, ma non riesce nell’impresa di raddrizzare una partita saldamente nelle mani dei Clippers.

BOSTON-TORONTO 107-89

Conclude la pessima nottata italiana in NBA la sconfitta di Toronto di Andrea Bargnani incapace di trascinare i Raptorsi contro i granitici Celtics. Boston che riabbraccia Rondo (20 assist) e si gode le giocate di Jason Terry (20 punti) e Paul Pierce (19), mentre dall’altra parte il Mago predica nel deserto. Quindici punti, 2 rimbalzi e 2 assist, per Bargnani non bastano a Toronto per evitare la quinta sconfitta nelle ultime sei partite (quarto ko lontano da casa su 5 partite esterne complessive) e l’ultimo posto in Atlantic Division nella Eastern Conference.

PHOENIX-MIAMI 88-97

Anche senza Wade, Miami espugna lo US Airways Center di Phoenix grazie all’ottima prova di Chris Bosh che mette a referto 24 punti a cui si sommano 9 rimbalzi e 3 assist. Prova maiuscola anche per LeBron James che chiude la serata con 21 punti (7 rimbalzi e 3 assist) e la lunghissima e infinita tournée lontano da casa lunga ben sei partite. Una striscia conclusa con 4 vittorie e due sconfitte che permette agli Heat di volare in testa in Southeast divisione a Est.

Gli altri risultati:

Washington-Utah 76-83

Charlotte-Memphis 87-94

Cleveland-Dallas 95-103

Milwaukee-New Orleans 117-113

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport