Nuoto - Pellegrini incanta Milano e 'chiama' Del Piero

La campionessa veneta vince la gara dei 100 dorso pur senza incantare, poi lancia un messaggio all'ex capitano della Juventus in vista del suo compleanno. Delude Magnini, la grande sorpresa invece è Rivolta

Federica Pellegrini incanta all'Harbour Club di Milano, pur senza ottenere risultati di rilievo nelle due gare disputate (i 100 dorso e l'australiana sui 50 stile). Mantiene le promesse, invece, Fabio Scozzoli - vicinissimo al primatista dei 50 rana Van Den Burgh -, mentre la grande sorpresa è Matteo Rivolta, che nella gara ad eliminazione a farfalla riesce ad avere la meglio di un campionissimo come Evgeny Korotyshkin. Delude, invece, in tutte le gare disputate l'ex oro olimpico Filippo Magnini. Sono questi gli spunti più interessanti della prima giornata della Nilox Swimming Cup, che domani replicherà nello Stadio del Nuoto di Torino.

SENSAZIONI ORRIBILI - Federica "la Divina", dopo aver vinto la gara dei 100 dorso, ha parlato di "sensazioni orribili". "Ma me l'aspettavo - ha aggiunto -, sono in una fase di carico e quindi in un certo senso è giusto così. Mi divertirò molto di più domani nei 200 a Torino". Federica ha perso dalla danese Ottesen Gray, invece, la gara ad eliminazione sui 50 stile. "Non ho mai nuotato quest'anno a stile libero, ma quello è il mio stile quindi tutto mi riesce più facile, ma ribadisco che a Barcellona farò solo il dorso, non avrebbe senso improvvisare lo stile, anche perché non mi interessa partecipare, se gareggio è solo per provare a vincere.

COMPLEANNO CON DEL PIERO? - Federica Pellegrini potrebbe festeggiare a Jesolo nel mese di agosto il suo 25esimo compleanno assieme ad Alessandro Del Piero: "A Jesolo ho un bellissimo gruppo di amici... È uscito un rumour che lui sarebbe stato lì ai primi di agosto in ritiro con il Sidney e mi è arrivato un tweet in cui Ale confermava la sua disponibilità. Io lo spero proprio anche perché è un atleta che stimo al di là delle mie simpatie juventine. Mi farebbe piacere festeggiare con lui il mio compleanno". La Pellegrini è poi tornata sulle sue recenti uscite con Filippo Magnini, l'ex boy friend che l'ha accompagnata a vedere una gara della finale del campionato di basket a Roma. "Abbiamo sempre dichiarato che la fine della nostra storia non avrebbe influito sul nostro rapporto a livello professionale per cui trovo normale che essendo entrambi ad un collegiale con la Nazionale a Roma si possa andare insieme a seguire una partita di basket".

GLI ALTRI: SORPRESA RIVOLTA - Fabio Scozzoli, battuto solo per sei centesimi dal campionissimo Van Den Burgh nei 50 rana, vede il grande rivale molto vicino: "Non è imbattibile. Gli sono molto vicino in questa stagione come non mai, a Barcellona però non sarò l'unico a provare a batterlo. Per vincere però bisognerà far segnare un tempo eccezionale, probabilmente sotto i 53 nei 100. Matteo Rivolta ha vinto l'australiana sui 50 delfino e in vista di Barcellona punta ad essere protagonista: "Il mio obiettivo è la finale. Poi, una volta tra gli otto, credo che, a parte uno o due avversari, potrò giocarmela anche per un podio". Deludente Filippo Magnini, che però così si giustifica: "Quelle di oggi non erano le mie gare. Nei 400 stile ho cercato più che altro di allenarmi e di mantenere il ritmo, ma non ero abituato. Nei 50 mi sono tuffato bene e sono anche partito discretamente, ma poi non sono riuscito a tenere il ritmo degli altri specialisti. Domani a Torino nella mia specialità, i 100, sono certo che farò meglio. Le sensazioni infatti sono ottime, molto migliori rispetto al mese di aprile".