Premier League - City brutto, ma Reina regala il 2-2 contro i reds

Finisce in parità la sfida spettacolo dell'Etihad Stadium con Agüero che trova la rete del pari grazie ad un'uscita a vuoto dello spagnolo. Nel primo tempo i padroni di casa vanno avanti grazie a Džeko ma Sturridge si inventa il gol dell'ex per l'1-1 provvisorio. Nel secondo tempo solo Liverpool in campo con Gerrard che illude prima della doccia fredda finale a causa del proprio portiere.

Dopo la vittoria del Manchester United sul campo del Fulham non arriva l’adeguata risposta del City che non va oltre il 2 a 2 contro un buon Liverpool, mancando per la seconda volta consecutiva la vittoria in campionato. La squadra di Mancini sprofonda ad un -9 dalla vetta poco rassicurante contando che la rete del pareggio è stata praticamente regalata dal portiere avversario, e considerando un dato allarmante visto che il tecnico jesino ha cambiato per ben tre volte modulo in corsa non riuscendo a trovare un vero e proprio equilibrio alla squadra. Ok le assenze di Yaya e Kolo Touré e di capitan Kompany che risultano essere determinanti, ma negli ultimi match sono risultate essere devastanti con una squadra senza identità di gioco e personalità. Esce fuori un buon Liverpool che dopo qualche spavento iniziale riesce a prendere le redini del gioco e della partita, illudendosi dopo l’invenzione di Gerrard nella ripresa ma cadendo come sempre nel solito guaio di non saper chiudere le partite prima del tempo. Piccolo passo in avanti in classifica per la truppa di Rodgers, ma basterà per raggiungere l’Europa?

I REDS GIOCANO, MA IL CITY SEGNA - La squadra di Roberto Mancini cerca subito di mettere le cose in chiaro provando a trovare la rete del vantaggio dopo neanche un minuto di gioco, ma ci vuole un grande Reina per fermare la conclusione al volo di David Silva dai venti metri. Dal calcio d’angolo susseguente arriva l’incornata di Javi García ma il suo colpo di testa finisce alto. Il Liverpool però conferma di esserci e va anch’esso vicino al gol dopo un quarto d’ora con l’uscita a vuoto di Hart che permette a Sturridge di andare in porta, l’ex Chelsea però pecca nel controllo e si fa murare poi la conclusione dall’arrivo di Zabaleta. Il City soffre a centrocampo e sono gli ospiti ad andare più vicino al gol: prima è Carragher che solo in area cerca di inventarsi una giravolta in area usando il piede perno non trovando però la via del tiro, poi è Suárez a mancare clamorosamente la via del gol svirgolando un’occasione da due passi dopo il bel movimento a sinistra di Sturridge. Continua il pressing dei reds e Suárez trova un’altra occasione per lanciare il contropiede ma prima di servire qualche compagno cerca una conclusione troppo frettolosa che non centra la porta di Hart. Dopo qualche secondo però il City esce dal torpore e Milner piazza un pallone facile facile per Džeko che non può far altro che segnare da breve distanza, il gol del vantaggio, sfruttando la mancata opposizione del proprio marcatore.

STURRIDGE FA IL GOL DELL’EX - Il Liverpool non si spaventa, e continua ad attaccare cercando di sfruttare l’assenza di equilibrio tra i reparti della squadra di casa. Poco dopo infatti è Sturridge a trovare il pareggio con una potente conclusione da lontano che non lascia scampo ad Hart, trovando così la sua terza rete in quattro presenze con i reds. Dopo il gol gli ospiti non si fermano e cercano a più riprese di entrare nell’area avversaria ma Nastasić fa buona guardia prima sull’inserimento di Suárez, e Johnson dopo non sfrutta nella giusta maniera lo spazio lasciato a destra andando a calciare direttamente sull’esterno della rete. Nel finale di tempo brividi poi per la retroguardia del City con Zabaleta ed Hart che non si intendono, ed il pallone dell’argentino che per poco non finisce all’interno della porta per i più improbabili degli autogol.

IL CITY SOFFRE A CENTROCAMPO - La ripresa incomincia come si era aperto il primo tempo, ovvero con una conclusione pericolosa dalla distanza che per poco non beffa Reina, ma il tiro cross di Milner finisce di pochissimo a lato alla destra del palo dell’estremo difensore spagnolo. Dopo questo primo pericolo, il Liverpool riprende le redini del possesso e si avvicina pericolosamente dalle parti di Hart con azioni molto veloci che i centrocampisti di casa non riescono ad arginare. Prima Suárez si fa beffare all’ultimo da Nastasić con il difensore serbo che riesce all’ultimo ad allungare la gamba per recuperare il pallone in tackle, poi è ancora l’ex Ajax, questa volta in versione assist-man, a creare pericoli alla difesa ma il suo servizio per Carragher viene deviato in angolo da Lescott. Poco dopo arriva una grande chance per Sturridge, dopo il contropiede fatto partire da Suárez, ma l’ex attaccante del Chelsea si tuffa letteralmente in area sull’opposizione di Lescott, guadagnandosi una più che meritata ammonizione invece di essere andato al tiro da buona posizione. Mancini prova a cambiare assetto mandando in campo Kolarov per un Nastasić a mezzo servizio a causa di un ginocchio malconcio, con Javi García che arretra nella linea dei difensori. Il Liverpool continua però ad attaccare e per Suárez arriva una grande opportunità, ma l’attaccante sbaglia provandoci con un destro a giro da fuori area che non centra però lo specchio della porta di Hart. Al 64’ Agüero prova a rompere il dominio mostrato in campo dal Liverpool, ma l’incursione solitaria dell’argentino si ferma proprio in area di rigore quando l’ex Atlético scivola al momento del tiro con i difensori ospiti che recuperano il possesso.

IL FESTIVAL DEL GOL - Finalmente il Liverpool riesce a concretizzare il suo possesso e al 72’ arriva la fantastica prodezza di Gerrard che s’inventa un gol fantastico per il vantaggio degli ospiti, con un arresto e tiro da manuale che non lascia scampo al povero Hart. Mancini fa fatica a metabolizzare lo svantaggio e prova nuovamente a mischiare le carte, il tecnico italiano cambia modulo inserendo Maicon a centrocampo e togliendo David Silva dalla cabina di regia. Il gol sembra piegare, quanto meno dal punto di vista psicologico, i citizens ma Agüero prova comunque a battagliare in area cercando, ed è l’unico a farlo, qualche soluzione in più in avanti. Al 79’ è proprio l’argentino a tirare fuori dal cilindro il jolly vincente sfruttando la pessima uscita di Reina e trovando il sette per il disappunto dei difensori ospiti che si aspettavano un altro tipo di movimento da parte del proprio portiere.

Incassato l’incredibile pari il Liverpool si "rimette “subito a lavoro” e Gerrard prova un’altra staffilata da lontano trovando però in questo caso il corpo di Javi García. Negli ultimi minuti è ancora il Liverpool a cercare ardentemente la vittoria con una nuova conclusione da lontano operata da Sturridge ma questa volta Hart fa buona guardia, e riscatta appieno gli interventi poco rassicuranti della prima frazione di gioco, mandano in angolo e negando così la doppietta all’attaccante classe ’89.

PER RIVIVERE IL MATCH CLICCA IL PRIMO LINK TRA GLI ARTICOLI SOTTO LA FOTO

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport