Premier League - Juve fatale a Di Matteo: il Chelsea lo esonera

L'allenatore del Chelsea lascia la società londinese dopo nemmeno una stagione: al tecnico italiano, che lo scorso maggio ha sollevato la Champions League dopo la finale vinta contro il Bayern Monaco, è stata fatale la sconfitta contro la Juventus rimediata a Torino...

Termina dopo poco più di otto mesi l’avventura di Roberto Di Matteo sulla panchina del Chelsea. L’allenatore italiano, che era subentrato a Villas Boas lo scorso 4 marzo, da oggi non è più la guida tecnica dei Blues.

A dare la notizia è direttamente il sito della società londinese, che – tramite il suo canale ufficiale – “ringrazia Roberto per tutto quello che ha fatto da quando è entrato in carica a marzo. Roberto ci ha guidato nello storico successo in Champions League e alla settima FA Cup . Non dimenticheremo mai il suo enorme contribuito alla storia del nostro club e sarà sempre il benvenuto a Stamford Bridge”.

Come per Villas Boas, che fu esonerato dopo il ko contro il Napoli, anche a Di Matteo è stata fatale una sconfitta in Champions League contro un'italiana; lo 0-3 rimediato contro la Juventus nella partita decisiva del girone non è evidentemente andato giù al presidente del club, Roman Abramovich, che - dopo una notte di riflessione - ha deciso di cambiare la guida tecnica della squadra. Il tecnico italiano lascia il Chelsea dopo 262 giorni (Villas Boas era stato in carica 256, Grant 247 e Scolari 223) durante i quali si è tolto la soddisfazione di sollevare al cielo una Champions League, la prima nella storia del club londinese, e una FA Cup.

“Il club ufficializzerà a breve il nome del successore”. Si chiude con queste parole il comunicato apparso sul sito del Chelsea, che è già alla ricerca del sostituto: il sogno è Guardiola, ma per il tecnico spagnolo se ne riparlerà solo a giugno. Da qui a maggio è possibile che ci si affidi a un “traghettatore”. A Londra si fa il nome di Rafael Benitez.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport