Serie A - Assedio Juventus, ma la Lazio tiene

Termina 0-0 il primo anticipo della 13esima giornata di Serie A tra Juventus e Lazio: i bianconeri attaccano dall'inizio alla fine, ma trovano sulla loro strada un Marchetti in formato fenomeno. Juventus che sale a quota 32 punti e che resta comunque in vetta alla classifica: passettino anche per la Lazio, che si conferma quinta forza del campionato

La Juventus non va al di là di un pareggio a reti bianche contro una Lazio praticamente inesistente dalla metà campo in avanti. Ed è uno 0-0 che evidenzia ancora una volta quanto manchi ai bianconeri un “attaccante da 20 gol a stagione”, cui non servano 5/6 occasioni da gol a partita per buttarla dentro. Perché di palle-gol, la Juve contro la Lazio, ne ha create tantissime: il problema è che non ha saputo concretizzarle.

POGBA E QUAGLIARELLA DALL’INIZIO - Niente turnover. Così ha deciso Conte in vista della Lazio, partita che precede temporalmente di pochi giorni quella decisiva in Champions League contro il Chelsea. Senza lo squalificato Pirlo sarà Pogba a dettare i tempi in cabina di regia: Isla è preferito a Lichtsteiner sulla corsia di destra. Vucinic nemmeno in panchina per via di un attacco influenzale: davanti ci sono Quagliarella e Giovinco.Nella Lazio, Petkovic sceglie Radu (per la prima volta titolare dopo 7 mesi) e Brocchi al posto degli squalificati Lulic e Mauri. Klose, che non ha mai segnato alla Juventus, solita unica punta: subito dietro il tedesco c’è il “Profeta” Hernanes.

DOMINIO JUVENTUS, MA LA LAZIO REGGE L’URTO - Partita molto bloccata tatticamente nel primo quarto d’ora, poi la Juventus prende le misure agli avversari e comincia a prendere campo. Il primo tiro in porta arriva al 16esimo e porta la firma di Asamoah: il sinistro dell’esterno della Juve trova però la pronta respinta di Marchetti. Passano tre minuti ed è Quagliarella ad avere l’occasione più ghiotta di tutta la prima parte di gara: sulla corta respinta di Marchetti, che vola a negare il gol a Giovinco, il tap-in del bomber napoletano trova solo l’esterno della rete. La Lazio perde per infortunio Dias, al suo posto Ciani, che entra a freddo e fatica a carburare. Giovinco al 32’ si inventa un numero da campionissimo Biava e Radu e involandosi in campo aperto verso la porta di Marchetti: da posizione defilata, però, l’ex fantasista del Parma chiude troppo l’angolo di tiro e vede la sua conclusione terminare sul fondo. Il finale di tempo è tutto di marca juventina, con la Lazio pressata addirittura all’interno della propria area di rigore. I biancocelesti di Petkovic, che praticamente non si fanno mai vedere dalle parti di Buffon, difendono con ordine e, al termine dei primi 45’, mantengono lo 0-0.

MARCHETTI MIRACOLOSO, LA TRAVERSA FERMA BONUCCI - Parte leggermente più propositiva la Lazio nella ripresa, che con l’ingresso di Ederson al posto di Brocchi guadagna peso specifico in fase offensiva. Ma è solo un fuoco di paglia, perché la Juventus ne ha di più e al 62’ sfiora nuovamente il gol del vantaggio: serve un super-Marchetti per dire “no” alla deviazione di Quagliarella su conclusione dalla distanza di Vidal. Alessio, che poco prima aveva invertito Pogba e Vidal, richiama Quagliarella per fare posto a Matri con il centravanti lombardo che si fa subito vedere scaricando un bel pallone per Marchisio che calcia dal limite dell’area: il portiere della Lazio è ancora reattivo e manda in angolo. E quando non ci arriva Marchetti è la traversa a salvare la Lazio: come al 75’ sulla conclusione di Bonucci sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Nel finale è assedio Juventus, con la Lazio che si difende come può. Quanto basta per portare a casa uno 0-0, il primo dopo 34 giornate, che sa di vittoria. Per la formazione di Conte, che martedì sera si giocherà contro il Chelsea il passaggio del turno in Champions League, un’ulteriore conferma: a questa squadra serve solo un bomber vero. Poi saranno dolori. Per gli altri ovviamente.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport