Serie A - Il "bad boy" Delio Rossi ci ricasca: dito medio

Episodio deprecabile al termine di Sampdoria-Roma 3-1: il tecnico blucerchiato rivolge un gestaggio ai giocatori giallorossi e poi minimizza nel post-partita. De Rossi non la prende bene: "Spero di non arrivare a 60 anni come lui". (foto AP/LaPresse)

Finale incandescente in Sampdoria-Roma. Sul 3-1 per i doriani, e in pieno recupero, Delio Rossi, forse in memoria di 'antichi' derby della Capitale, ha fatto un gesto poco sportivo verso capitan Francesco Totti, che si è avvicinato alla panchina ligure per un 'chiarimento'. La rissa non c'è stata solo per un senso di responsabilità dei giocatori, anche se gli animi sono rimasti caldi per un po'. Rossi, non nuovo ad andare in escandescenze (difficile dimenticare i pugni rifilati quando era alla Fiorentina a Ljajic), è stato espulso dall'arbitro Celi e, mentre si allontanava dal campo, ha avuto da ridire anche con Burdisso, chiamando poi il 'suo' pubblico a far festa. Un episodio davvero poco edificante per il tecnico dei blucerchiati, che ha ancora una volta dimostrato scarso sangue freddo nei momenti topici di un match.

“SOLO COSE DI CAMPO” – Nel post-partita, Delio Rossi ha provato a smorzare i toni: “E’ tutto chiarito. Si tratta soltanto di cose di campo, una situazione che è finita lì. Non ho fatto nessun gestaccio. Sono soltanto cose che accadono per l’eccessivo nermosismo e la tensione che partite come queste ti portano a provare. Ma dopo il novantesimo non c’è più nulla da aggiungere”. Parole che hanno poco convinto lo staff romanista.

DE ROSSI RISPONDE A TONO – Immediata la replica del centrocampista giallorosso, di parere ben diverso da quello dell’allenatore blucerchiato. "Non ci si può sempre nascondere dietro la trance agonistica o parlare di cose di campo – ha detto De Rossi -, poi uscire e prendere l'applauso della curva da paladino della giustizia. Non mi piacciono queste sceneggiate, non è neanche uno che ha precedenti felicissimi, dovrebbe stare attento sotto il profilo umano perché è anche un tecnico forte. Ma è andata, non è morto nessuno. Se arrivo a 60 anni così mi farei delle domande, anche perché arriva da episodi non migliori di questo".

L’EPISODIO E IL DITO MEDIO – Ma cosa ha fatto realmente Delio Rossi? Nell’immediato post-partita si era parlato di un “segno del tre” nei confronti di Totti, al quale l’allenatore doriano avrebbe sbandierato le tre reti incassate a Marassi. Poco dopo, però, una foto ha chiarito il tutto. E Delio Rossi avrebbe rivolto il “dito medio” ad alcuni giocatori della Roma. Un gesto decisamente più pesante che potrebbe portare il mister blucerchiato a una nuova squalifica dopo quella rimediata la primavera scorsa. Altro che “cose di campo”…

***

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport