Serie A - Balotelli subito decisivo: doppietta!

L'ex attaccante del City realizza i due gol che permettono ai rossoneri di battere 2-1 l'Udinese e di agganciare l'Inter in classifica al quarto posto. E il terzo, quello che vale l'accesso ai preliminare di Champions League, dista soli tre punti. Di Pinzi il momentaneo 1-1 friulano. Polemiche per il rigore assegnato da Valeri (e trasformato da SuperMario) all'ultimo minuto di partita...

Altro che sogno, quello che San Siro gli regala il giorno del suo esordio in maglia rossonera va ben al di là di ogni più entusiastica previsione. Doppietta decisiva al debutto, che in linea teorica sarebbe dovuto avvenire solo nel secondo tempo. E invece succede che Pazzini si fa male nel riscaldamento e SuperMario viene buttato nella mischia dall’inizio: il resto lo fa il campo, 2 gol e tante altre giocate da campione. Per prendersi il Milan, per ‘riprendere’ l’Inter. E per puntare il terzo posto della Lazio, ora più avanti di appena tre lunghezze.

PAZZINI SI FERMA NEL RISCALDAMENTO: BALOTELLI TITOLARE - Un problema muscolare accusato da Pazzini durante il riscaldamento consegna una maglia da titolare a Balotelli pochi giorni dopo la firma sul contratto che lo lega al Milan. Con lui le altre due ‘creste rossonere’, El Shaarawy e Niang. Boateng è bloccato dalla febbre, al suo posto Nocerino. In porta c’è Amelia, Abbiati in panchina. Due le novità in casa Udinese: Guidolin sceglie il 3-5-2 con Silva largo a sinistra al posto di Pasqual ed Hertaux centrale: in panchina Benatia. Davanti Di Natale e Muriel.

MILAN VIVACE: BALOTELLI SUBITO IN GOL - Mario Balotelli impiega appena 35 secondi per ricevere i primi convinti applausi della San Siro milanista. Pronti via e SuperMario punta la porta, salta Gabriel Silva e calcia con il destro dal limite: la sua conclusione sfila sul fondo, non molto lontana dal palo alla destra di Padelli, ma tanto basta per fare impazzire i tifosi rossoneri. All’11esimo Balotelli si prodiga in versione uomo-assist: a trarne beneficio è Niang, proiettato a tu per tu con Padelli grazie a una magia di SuperMario: il portiere dell’Udinese è però perfetto nel respingere la conclusione del giovane francese. Al 21esimo si sveglia El Shaarawy, che prima manda alto di testa un bel cross di Abate, quindi al 25esimo è protagonista dell’azione che porta al gol del vantaggio del Milan. La sua accelerazione sulla sinistra è devastante, il suo cross dal fondo (sporcato da Hertaux) arriva sui piedi di Balotelli che con il sinistro, di prima intenzione, gira in rete il suo primo gol con la maglia rossonera. Apre le braccia, alla Ibrahimovic, e accenna a un’esultanza. Sorridendo ai suoi nuovi compagni e a quel pubblico che lo ha già eletto proprio beniamino. Caricato dal gol, Balotelli ci riprova due minuti più tardi, con un gran destro a giro dai 25 metri: Padelli deve impegnarsi per mandare in angolo. La partita è bella, veloce e divertente: il Milan gioca bene e al 40esimo va vicino al gol del raddoppio con Flamini, ma la conclusione del centrocampista francese su cross di El Shaarawy è debole. Il primo tempo finisce 1-0, con gli applausi convinti di San Siro che accompagnano il rientro negli spogliatoi dei giocatori del Milan.

PINZI LA RIAPRE, POI IL RIGORE (INESISTENTE) DI SUPERMARIO - Guidolin cambia il modulo alla sua Udinese nel corso della ripresa: non più 4-4-2, ma 4-3-1-2 con Pinzi a dar fastidio a Montolivo. Il Milan cala un po’ fisicamente e la squadra friulana ne approfitta per trovare al 55esimo il gol del pareggio proprio con Pinzi, bravo a seguire l’azione sull’affondo di Muriel e fortunato nel battere Amelia grazie anche alla deviazione di Constant. La reazione del Milan è affidata ancora una volta a Balotelli, che però con il sinistro non crea grandi problemi a Padelli. Il valzer delle sostituzioni vede Guidolin passare prima al 4-4-2 e poi al 4-5-1, mentre Allegri inserisce Bojan (e poi anche Robinho) passando al 4-2-3-1 con lo spagnolo centrale nel tridente alle spalle di Balotelli. Che al 69esimo manda alto sopra la traversa una bella palla messa dentro da Constant dall’out di sinistra. Il Milan insiste: Niang al 78esimo prende una traversa con un sinistro terrificante, quindi è Bojan a sfiorare il nuovo vantaggio con il mancino dal limite. Una punizione di Balotelli dal limite dell’area messa in angolo da Padelli sembra chiudere la partita sul pareggio, ma al 96esimo Valeri si inventa un calcio di rigore per il Milan sugli sviluppi di uno scontro tra Hertaux ed El Shaarawy: sul dischetto va Balotelli che, freddissimo, spiazza Padelli e regala i tre punti al Diavolo. Alla sua prima da titolare con il rossonero addosso. Un sogno che si realizza. O forse anche di più.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport