Serie A - Moratti: “Sneijder? Nessun ricatto dell’Inter”

Il presidente nerazzurro prova a far chiarezza sulla vicenda che vede protagonista il trequartista olandese: “Da parte nostra verso di lui c’è completa apertura – dice Moratti -. La posizione della società è di tranquillità”. (foto AP/LaPresse)

“Da parte della società c'è un atteggiamento di piena apertura con il calciatore, non c’è alcun tipo di ricatto". Con queste parole il presidente del club nerazzurro, Massimo Moratti, affronta il caso Sneijder a margine della presentazione di Inter Campus alle Nazioni Unite a New York.

"Se è valido un contratto, è certamente valido chiedere a una persona se si può in qualche modo migliorarlo - ha proseguito il numero 1 dell'Inter -. Questo non toglie che in questo momento il calciatore non giochi per ragioni tecniche. Certamente nessuno ha voglia di buttare via un valore come il suo. La posizione della società è di tranquillità, noi non abbiamo costretto nessuno a fare niente, il suo contratto è validissimo, nessuno di noi forza qualcuno, Sneijder è libero".

Sull'impiego dell'olandese, Moratti non mette bocca, le decisioni tecniche, del resto, sono di competenza di mister Stramaccioni. "Se tornerà in campo nelle prossime settimane questo dipenderà solo dall'allenatore, se lo vedrà fisicamente e psicologicamente all'altezza per giocare".

No al ritorno di Mario Balotelli, nessuna chiusura a Sneijder ("uno scambio con Pastore con il Psg? Mi date un'idea...") e il momento di un'Inter che non è lontana dalla capolista Juve (-4), ma che ha perso l'occasione di avvicinarsi ancor di più.

"Nel calcio il momento in cui ti senti tranquillo e a posto è il momento in cui devi stare più attento - ha spiegato il numero 1 del club nerazzurro -. Questo è forse quello che è successo a noi, che avevamo creduto di aver trovato la quadratura del cerchio e invece il calcio ti propone sempre situazioni più difficili, o magari diverse. Poi un po' di stanchezza o forse un'eccessiva sicurezza con tutti i titolari in campo ha portato a una pessima partita".

A gennaio non ci saranno rivoluzioni né rinforzi particolari. "No, la squadra va bene così", taglia corto Moratti che poi fa in vista delle ultime giornate del girone d'andata dice: "La previsione è che ce la metteranno tutta, la squadra è composta da un gruppo di ragazzi molto seri, l'allenatore oltre ad essere serio è anche molto preparato e quindi credo che farà in modo che vada meglio di quanto sia andato nelle ultime occasioni". Un punto nelle ultime tre gare dopo la vittoria in casa della Juventus, l'Inter ha perso una grande occasione per avvicinarsi ai bianconeri. "C'è rammarico per forza, perché stiamo facendo una gara quindi è normale. L'importante comunque ora è non essere distanti, poi vedremo alla fine".

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport