Serie A - Le pagelle di Chievo-Juventus 1-2

I bianconeri giocano bene e vengono trascinati dal centrocampo. Brillano Vidal e Lichtsteiner, bene anche un ritrovato Matri. Nel Chievo Thereau e Rigoni ci provano, ma la fase difensiva non funziona: Jokic e Sampirisi sovrastati

Le pagelle della Juventus:

BUFFON: 6. Non ha colpe sul gol. Per il resto il Chievo non tira mai in porta.

BARZAGLI: 7. Sempre sicuro e lucido. Non sbaglia un intervento e spesso spinge anche a destra. Ormai non sbaglia più una partita.

MARRONE: 6,5. Bene sia in impostazione che in fase difensiva. Bonucci ha un ottima riserva.

CACERES: 6,5. Buona prova dell’uruguaiano. Difende sia su Paloschi che su Thereau. In anticipo e con sicurezza.

LICHTSTEINER: 7,5. Migliore in campo. La locomotiva svizzera non sbaglia un pallone: spinge, corre, tira, si propone e segna anche il momentaneo 0-2. Intoccabile.

Dal 78’ PADOIN: s.v.

VIDAL: 7. Quando il cileno gioca così è un piacere vederlo. Grande assist per Matri e una quantità innumerevole di palloni recuperati: conferma di essere tornato ai suoi livelli.

PIRLO: 6,5. Gestisce con sapienza i ritmi della partita. Nella ripresa, quando la Juve deve mantenere il vantaggio, i palloni vanno tutti a lui. “Metti in banca” e il pallone non si perde mai.

POGBA: 6. Meno imponente del solito e un po’ impreciso nei passaggi. Viene fuori alla distanza, mostrando anche maturità.

DE CEGLIE: 6,5. Ottima la spinta a sinistra. Fa ammattire Sampirisi e anche nella ripresa continua nel forcing offensivo.

MATRI: 7. Mitra è tornato. Gol da bomber vero e tante sponde utili per i compagni. Esce tra gli applausi: Anelka può aspettare.

GIOVINCO: 6. Perde sempre troppi palloni e non è al meglio fisicamente. Però è splendido l’assist di tacco per il gol di Lichtsteiner. Quel gesto vale la sufficienza.

Dal 57’ QUAGLIARELLA: 6. Entra subito in partita e si fa vedere con movimenti e appoggi. Non trova il gol, ma è integrato pienamente negli schemi di Conte.

ALL. ALESSIO (Sost. CONTE): 7. La squadra gioca e domina. Grande reazione mentale al momento negativo e alla rimonta napoletana. Grandi meriti motivazionali.

******************************************************************

Le pagelle del Chievo:

PUGGIONI: 6,5. Salva il Chievo tre volte nel primo tempo. Attento e bravo in uscita. Nei gol non può intervenire.

SAMPIRISI: 5. De Ceglie lo sovrasta nel primo tempo. Un esordio con la maglia del Chievo certamente negativo. Cambiato nell’intervallo.

Dal 46’ SEYMOUR: 5,5. Mette grinta nell’inizio di ripresa clivense, ma poi si spegne presto e non si vede più.

CESAR: 5. Sempre eccessivamente falloso. A volte inutilmente. Soffre la fisicità di Matri e viene sostituito a fine primo tempo.

Dal 46’ ACERBI: 6,5. Molto bene al rientro in gialloblu. Se avesse giocato dall’inizio, forse, il Chievo non avrebbe preso due gol.

DAINELLI: 6,5. Il migliore dietro dei suoi. Guida attenta e sicura. Di testa è impeccabile.

ANDREOLLI: 5,5. Perde Lichtsteiner-Giovinco nell’azione del secondo gol. Anche lui soffre la vivacità di Matri.

JOKIC: 4,5. Lichtsteiner lo martella e lui ne esce frastornato. Lo svizzero lo salta quando vuole e Jokic non ci capisce più nulla.

HETEMAJ: 6. Lottatore finlandese sempre col coltello tra i denti. Non molla un pallone e contrasta la linea mediana bianconera senza paura.

RIGONI L.: 6. Il migliore del Chievo in mezzo. Lancia, corre, gioca e tenta, come può, di allentare l’azione continua della Juventus.

COFIE: 5,5. Fisicamente c’è, tecnicamente da rivedere. Non brilla a centrocampo, contrastato da Pogba che ne ha più di lui.

Dal 74’ PELLISSIER: s.v.

THEREAU: 6,5. Il gol lo salva dall’insufficienza. Fino a quel momento non si era visto. Gioca una buona mezzora della ripresa, confermando di essere l’uomo in più di questo Chievo.

PALOSCHI: 5,5. Si muove bene, ma non trova mai lo spunto giusto. Coraggioso e volenteroso, ma sempre fermato dai difensori bianconeri.

ALL. CORINI: 5. Il Chievo è rinunciatario e lascia un tempo intero alla Juventus. Cambia nella ripresa e per 10 minuti la Juve va in difficoltà, ma, a conti fatti, la sua squadra tira una sola volta in porta. Troppo poco.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport