Serie A - La Samp si ritrova; il Genoa è ultimo

La formazione di Ferrara torna a vincere dopo 7 sconfitte consecutive: 3-1 il finale a Marassi nel derby. Samp che chiude sul 2-0 il primo tempo grazie alle reti di Poli e all'autogol di Bovo. Nella ripresa il Genoa ci prova, trova la rete del 2-1 con Immobile, ma è punita da Icardi nel finale. Samp che torna a far punti; Genoa sempre più in crisi. Il Grifone è ultimo in classifica con 9 punti...

Dopo due anni e mezzo, la Sampdoria torna a vincere il derby di Genova. L’ultima volta era successo nell’aprile del 2010, nell’1-0 di un Sampdoria-Genoa deciso da Cassano. Sulla panchina dei blucerchiati c’era Delneri, che oggi invece siede su quella del Grifone e che esce sconfitto dalla stracittadina numero 73 giocata in Serie A tra le due squadre di Genova.

SAMP “SPUNTATA”, DELNERI RITROVA BORRIELLO – Infortunati Maxi Lopez, Eder e Pozzi, Ferrara deve fare a meno di tutto il suo reparto d’attacco: davanti gioca il giovane Icardi, argentino classe 1993. In difesa, Mustafi vince il ballottaggio con De Silvestri, mentre a centrocampo largo a destra c’è Kristicic, dall’altra parte Poli con Munari interno; Estigarribia va in panchina. Delneri invece ritrova Borriello, comunque non al meglio: l’ex juventino fa coppia dal primo minuto con Immobile. Per il resto è il solito Genoa: recuperato anche capitan Rossi, che però va solo in panchina.

PRIMA GIOIA PER POLI: POI AUTOGOL DI BOVO - Parte bene il Genoa, che dopo otto minuti crea il primo pericolo a Romero: bravo il portiere della Sampdoria sul sinistro di Immobile da posizione defilata. Borriello ha voglia di far bene e si sbatte tantissimo nei primi minuti: un suo sinistro angolato chiama ancora Romero al pronto intervento nel giro di pochi minuti. Con il passare dei minuti la Sampdoria si sveglia, e al 16esimo passa in vantaggio grazie al primo gol in Serie A di Andrea Poli, bravissimo a controllare una conclusione fuori misura di Mascara e a spiazzare Frey da centro area. La Sampdoria ha buon gioco, il Genoa accusa il gol subito, e al 36esimo capitola di nuovo. Kristicic manda nello spazio Icardi, che si beve in velocità Granqvist, entra in area e impegna Frey da posizione defilata: la respinta corta dell’estremo difensore francese finisce però sui piedi di Bovo che – goffamente – trova l’autogol che vale il raddoppio blucerchiato. Il Genoa è stordito, ma la Samp non ne approfitta e non chiude la partita fallendo due facili occasioni con Icardi e una con Munari. Il primo tempo si chiude con il Genoa in affanno, ma comunque ancora in partita grazie alle parte di Frey.

IMMOBILE RIAPRE LA PARTITA - Delneri prova a inventarsi qualcosa a inizio ripresa richiamando Tozser e Bovo e inserendo Bertolacci e Vargas. Antonelli si abbassa a fare il terzino lasciando “campo” all’ex della Fiorentina. Che ha un ottimo impatto nella partita. Ma è tutto il Genoa a cambiare marcia nel secondo tempo: in apertura ci provano Immobile e Borriello, ma Romero è ben posizionato ed evita guai. Ferrara vede Kristicic stanco e lo richiama in panchina inserendo Estigarribia, ma il paraguayano non riesce a tenere “basso” Vargas, che trova sempre lo spazio per tentare la giocata sull’esterno o convergere cercando la soluzione personale dal limite dell’area. Al 73esimo gli sforzi del Grifone vengono premiati: sugli sviluppi di una conclusione di Vargas, la difesa della Samp sale male e consente a Immobile di calciare tutto solo davanti a Romero. L’ex attaccante del Pescara trova il pertugio giusto e riapre la partita con il suo centro numero 4 in campionato.

ICARDI-GOL PER LA RESURREZIONE DELLA SAMP: GENOA SEMPRE PIU’ IN CRISI - Il Genoa ci crede, con Vargas che sfiora anche il gol del 2-2, ma il destro del peruviano da ottima posizione si perde a lato al termine di un’azione confusa all’interno dell’area di rigore della Sampdoria. Che all’88esimo, in contropiede, trova il gol che chiude la partita: a realizzarlo il 19enne Mauro Icardi, che nel primo tempo si era divorato almeno due gol. La palla di Tissone, entrato all’83esimo per dare respiro a Maresca, è perfetta, così come lo è il movimento di Icardi, che si inserisce perfettamente tra Antonelli e Moretti e batte Frey da dentro l’area. Per Icardi si tratta del primo gol in Serie A, alla prima presenza da titolare. E’ il gol che definisce il punteggio finale sul 3-1 per i blucerchiati, che tornano a vincere dopo 7 sconfitte consecutive e salvano la panchina di Ciro Ferrara. Genoa, invece, sempre più in crisi: il Grifone, che non vince da oltre due e mesi e che incassa la sesta sconfitta di fila, è adesso ultimo in classifica in solitaria con appena 9 punti.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport