Serie A - Stramaccioni: “Restiamo con i piedi per terra”

Il tecnico dell’Inter avverte i suoi giocatori in vista della partita contro l’Atalanta. “La Juventus è stata un banco di prova importante – dice Stramaccioni -, ora non dobbiamo farci prendere dall’euforia. Sneijder? Ho un grande rapporto con lui, vuole rientrare presto. Il suo valore no è in discussione”

"Ho un grandissimo rispetto per l'Atalanta, sta facendo benissimo e ha tanti giocatori di grande qualità".

Così il tecnico dell'Inter, Andrea Stramaccioni, alla vigilia del match in casa dei bergamaschi di Stefano Colantuono. "Sarebbe un errore non rispettare i punti di forza dell'avversario, ma cercheremo di sfruttare i nostri", ha proseguito Stramaccioni che riguardo a Sneijder ha ribadito: "ho un grande rapporto con Wesley, vuole rientrare presto e il suo valore non è assolutamente in discussione".

Detto che per la sua Inter la "Juventus è stata un banco di prova importante", Stramaccioni non vuole che la squadra e l'ambiente si facciano prendere dall'euforia per il successo in casa dei campioni d'Italia e per il secondo posto in classifica. "Siamo all'undicesima giornata, potrebbe essere una trappola farsi prendere da un eccessivo entusiasmo".

"Quest'anno d'accordo con il team manager, Ivan Cordoba, abbiamo varato un regolamento interno condiviso dallo spogliatoio". Cosi' il tecnico dell'Inter, Andrea Stramaccioni, sulla polemica legata a Wesley Sneijder e a Twitter (la moglie dell'olandese si e' lamentata del divieto imposto al marito). "Su questo regolamento vigila il team manager - ha proseguito Stramaccioni -, non si possono esprimere giudizi sul momento della squadra se non con l'autorizzazione del tecnico o del team manager, questo perche' secondo me l'Inter deve comunicare all'esterno in un certo modo. Voi avete saputo di Sneijder ma sono stati multati altri giocatori e altri verranno multati".