Shanghai - Succede di tutto a Shanghai, Huff a un passo dal titolo

Due gare incredibili in Cina. Yvan Muller si ritira in Gara 1 e viene penalizzato al termine di gara 2 conclusa al secondo posto. Rob Huff vola al comando della generale a 35 punti e con una sola gara al termine

Succede tutto in casa Chevrolet. Due gare da togliere il respiro sul circuito di Shanghai nella penultima prova iridata. Chi pensava a una lotta a due tra Huff e Muller deve ricredersi, con il francese che prima viene travolto da Norbert Michelisz e poi da Colin Turkington alla primissima curva. Inutile il tentativo disperato del campione in carica di continuare la gara. E così fugge via il pole man Alain Menu con Robert Huff che gestisce al meglio il vantaggio chiudendo al secondo posto a 11” dal collega Cruze. Stupendo il terzo posto di Stefano D’Aste. L’italiano della BMW conferma quindi lo splendido momento di forma dopo la vittoria a Suzuka. Punti pesantissimi anche per la classifica Indipendenti che vede in testa sempre Michelisz con Oriola e proprio D’Aste rispettivamente a 12 e 15 punti e con l’ultima gara di Macau in programma tra due settimane. Rimontano Tom Coronel quarto e Gabriele Tarquini, perfetto in partenza e intelligente per non correre inutili rischi. Dal nono al quinto posto nella sua penultima gara al volante Seat prima del passaggio alla Honda per la prossima stagione.

In gara 2 sono sempre le Chevrolet le grandi protagoniste e stavolta i tre non se le mandano certo a dire. Come sempre la Cruze decide di lasciare libertà ai piloti e Alain Menu prende sul serio la direttiva del team. Lo svizzero non molla la presa e Yvan Muller perde completamente il controllo tamponando il collega e permettendo (errore che può a questo punto costare il titolo) a Rob Huff di superare in bellezza entrambi i colleghi. Si confermano Tom Coronel e Stefano D’Aste quarto e quinto mentre Gabriele Tarquini, bravissimo in gara 1, non riesce a bissare e chiude al settimo posto. Vince Huff lasciandosi alle spalle proprio il diretto rivale Muller e Alain Menu. Tensione alle stelle in casa Chevrolet e a Macau Rob dovrà difendere 35 punti. Il titolo è davvero a un passo.

Yvan Muller è poi stato penalizzato di 30 secondi nella classifica definitiva di Gara 2. La Direzione Gara ha preso questa decisione a causa della manovra che il campione francese ha compiuto nei confronti di Alain Menu, nell’attacco alla prima posizione. Muller scivola quindi dalla seconda alla tredicesima posizione finale.