Test match - All Blacks in palla: l'Italia è avvisata

La Nuova Zelanda passa senza problemi a Murrayfield contro la Scozia: 51-22 il finale e la prossima settimana i Tuttineri sono a Roma per testare l'Italia di Brunel. Sei mete contro gli scozzesi, nonostante una formazione lontana da quella titolare

La Nuova Zelanda apre con una roboante vittoria in Scozia il proprio Tour Europeo: 51-22 al Murrayfield di Edimburgo, con una formazione rimaneggiata e sperimentale. I campioni del mondo schieravano infatti ben 10 elementi diversi alla squadra che nell’ultima uscita aveva pareggiato per 18-18 contro l’Australia il mese scorso, mettendo fine alla propria striscia vincente di 16 partite.

La vittoria torna in terra scozzese, dove i Tuttineri segnano sei mete: Israel Dagg, Julian Savea, Cory Jane e Andrew Hore timbrano il cartellino nel primo tempo, ancora Savea e Ben Smith replicano nel secondo tempo, con Dan Carter ottimo al calcio (21 punti).

E la Scozia? Beh contro i campioni si poteva far pochino. Eppure, caricati da 57.000 spettatori, gli scozzesi riescono a mettere a segno addirittura tre mete, due con Tim Visser una con Geoff Cross. Ciononostante ecco il ko numero 27 in 29 incontri con la Nuova Zelanda, squadra mai battuta dalla Scozia dal 1905 a questa parte. Steve Hansen ha annunciato che nelle prossime uscite utilizzerà tutta la rosa a sua disposizione; a cominciare dal match di Roma con l’Italia. Brunel è avvertito…