Torna il wrestling, a Roma e a Milano

Due show, pochissimi i biglietti ancora a disposizione e grande attesa per le superstar della WWE che tornano nel nostro paese a distanza di un anno dall'ultimo tour

La corsa ai biglietti era iniziata alcuni mesi fa, e per la verità quella ai posti migliori, la platea ringside, è durata poco perché le prevendite sono andate letteralmente polverizzate in poche ore.

L'AMICIZIA TRA L'ITALIA E LA WWE - Si rinnova dunque l'affettuoso rapporto tra il wrestling professionistico e il nostro paese: un rapporto che, pur con i suoi alti e bassi, non si è mai completamente interrotto e che ora può contare su un gran numero di programmi e di trasmissioni (tra i quali "This Week on WWE", condotto ogni lunedì sera da Paolo Lanati e Paolo Mariani). Gli show programmati per questo tour immediatamente successivo a Wrestlemania sono due: questa sera, martedì, al PalaLottomatica di Roma e domani, mercoledì, al Forum di Assago. La WWE è in Europa già da alcuni giorni: quella di un lungo tour europeo immediatamente dopo Wrestlemania è una consuetudine ormai consolidata nella complicata logistica degli house show della compagnia di Stamford, che in Europa registrerà anche alcuni spettacoli e diversi contenuti esclusivi.

L'ATTESA DEI FAN – Nonostante i biglietti siano tutti numerati, la comunità del wrestling si è mossa con largo anticipo e Roma e Milano sono state prese d'assalto nella speranza di poter scattare qualche foto con le superstar più amate, o di avere una loro foto. Il pubblico italiano, che pure secondo gli standard WWE risulta essere uno dei meno disciplinati, è sicuramente anche uno dei più caldi e partecipi. "Tutte le volte che sono in Italia per me è un motivo di enorme soddisfazione" – ha detto John Cena appena arrivato a Roma, dove stando alle anticipazioni della card ufficiale dovrebbe affrontare The Miz.

LA FANTASIA DEI BANNER – Il pubblico del wrestling è molto eterogeneo composto in gran parte da famiglie al completo, ma soprattutto è molto creativo e si esprime con il banner: i cartelloni colorati che indicano scritte di consenso, o dissenso, dal wrestler di turno. Non mancheranno striscioni, cori e cheer-up per i più amati e ovviamente palese dissenso nei confronti degli heel, i wrestler che interpretano il ruolo dei cattivi.

LE STELLE PIU' ATTESE – Inevitabilmente uno dei protagonisti più attesi è proprio John Cena (foto sinistra): una doppia laurea all'Università di Boston, 115 chili per 1.90 di altezza, più volte campione WWE e dei pesi massimi, Cena 'divide' il pubblico. Da una parte chi lo adora, individuando in lui il simbolo più mediatico di questa disciplina, dall'altra i puristi, che gli contestano atteggiamenti troppo rivolti alla massa e una certa limitatezza tecnica. John, reduce da un'edizione sfolgorante di Wrestlemania che lo ha visto lottare niente meno che contro The Rock sarà sicuramente uno dei protagonisti che alzerà maggiormente l'attenzione del pubblico.

IL RITORNO DI SANTINO MARELLA – E poi c'è anche un italiano. Sono molti gli italiani nella storia del wrestling: uno dei wrestler più amati, forse il più forte e influente atleta di tutti i tempi si chiama Bruno Sammartino. Ed era abruzzese: come abruzzesi sono le origini di John Cena, che tuttavia è nato in Massachusetts da genitori americani. In passato ce ne sono stati molti altri: l'ultimo della serie è Santino Marella (illusrato nella foto sotto al titolo), originario della Calabria, che proprio a Milano, cinque anni fa, conquistò contro ogni pronostico il titolo intercontinentale. E per questo fu definito the Milan Miracle… A lui dedicheremo un articolo esclusivo domani. Tra gli altri protagonisti Chris Jericho, The Miz, CM Punk (attualmente campione WWE con oltre 150 giorni di regno), Zack Ryders e Alberto del Rio, wrestler messicano figlio e nipote d'arte e ultimo esponente di una dinastia leggendaria della lucha libre.

Appuntamento sia a Roma che a Milano alle ore 20.00: lo spettacolo, diviso in due parti, durerà circa tre ore…