La Vos torna all'oro, Longo Borghini terza!

Trionfo della fuoriclasse olandese nella prova in linea dei Mondiali di Valkenburg. Argento australiano con la Neylan, bronzo italiano con la Longo Borghini

Marianne Vos torna alla vittoria nella prova in linea dei mondiali di ciclismo dopo il trionfo del 2006 e soprattutto dopo una striscia di 5 argenti consecutivi che si era trasformata in un vero e proprio tabù per la 25enne olandese. La Vos ha staccato tutte le avversarie sull'ultima salita, lasciando l'argento all'australiana Rachel Neylan e soprattutto il bronzo alla nostra azzurra Elisa Longo Borghini, che sale così sul podio iridato a nemmeno 21 anni (li compirà a dicembre).

Per Marianne Vos si tratta dell'11esimo titolo mondiale tra ciclismo su strada, ciclocross e pista, a dimostrazione del valore di un'atleta senza precedenti in campo femminile. Non a caso la progressione della fuoriclasse orange sull'ultimo strappo (1200 metri al 5,8% di pendenza media) è stata straordinaria e ha lasciato sui pedali tutte le avversarie, che avevano già resistito a una lunga serie di tentativi della Vos, evidentemente una spanna sopra a tutte.

Ma c'è anche tanta Italia in questo sabato di Valkenburg, perché Rossella Ratto ed Elisa Longo Borghini rimangono tra le migliori praticamente per tutta la corsa, con la seconda che risulta a più riprese la più attiva nel rispondere agli attacchi della Vos: forse questa generosità toglie alla 20enne di Ornavasso proprio quel pizzico di brillantezza che avrebbe potuto essere decisivo nel duello per l'argento, che finisce al collo dell'australiana Neylan, seconda a 10" dalla Vos, mentre Elisa taglia il traguardo con 18" di ritardo. Un risultato comunque magnifico e accompagnato per l'Italia dal 6° posto della Ratto, 19enne torinese con un futuro straordinario davanti a sé.